Home > Lavoro e assassinii > Le responsabilità delle briciole di Dacca

Le responsabilità delle briciole di Dacca


Tra le macerie di Dacca, il marchio Benetton

“Il Gruppo Benetton intende chiarire che nessuna delle società coinvolte è fornitrice di Benetton Group o uno qualsiasi dei suoi marchi. Oltre a ciò, un ordine è stato completato e spedito da uno dei produttori coinvolti diverse settimane prima dell’incidente. Da allora, questo subappaltatore è stato rimosso dalla nostra lista dei fornitori“.

“Il Gruppo Benetton intende chiarire che nessuna delle società coinvolte è fornitrice di Benetton Group o uno qualsiasi dei suoi marchi. Oltre a ciò, un ordine è stato completato e spedito da uno dei produttori coinvolti diverse settimane prima dell’incidente. Da allora, questo subappaltatore è stato rimosso dalla nostra lista dei fornitori“: una prima mezza ammissione.

Stiamo solo parlando della morte di “almeno” 381 operai: nell’articolo di Marco Quarantelli, uscito sul Fatto Quotidiano (e che potete leggere qui) c’è una lunga lista di aziende italiane che hanno molto a che fare con lo sbriciolamento di un palazzo di otto piano, in Bangladesh, posto di lavoro di centinaia di persone.
Ovviamente c’è la gara di smentite e mani di padroni che provano a lavarsi il sangue da dosso:
“Riguardo alle tragiche notizie che provengono dal Bangladesh Benetton Group si trova costretta a precisare che (…) i laboratori coinvolti nel crollo del palazzo di Dacca non collaborano in alcun modo con i marchi del gruppo Benetton”. (24 aprile 2013)

  1. Pietro Aligi Schiavi
    30 aprile 2013 alle 21:39

    E’ notorio che i padroni si assolvono sempre, e trovano sempre giornalisti e “opinionisti” che fanno delle assurde e illogiche sparate (su giornali e reti televisivie) per distogliere l’attenzione su questo plurimo omicidio di massa.
    I balbettii di Benetton poi sono ridicoli: trovano sue etichette nelle macerie,….e “qualcheduno” dice che questa fabbrica “falsificava” le magliette Benetton. Vogliono farci credere che questa forse era una fabbrica che faceva magliette pirata?
    Tutta la moda a basso prezzo italiana è fatta in queste povere zone.
    All’Oviesse, basta guardare le etichette degli stessi jeans.
    Bangladesh, Malesia,l India.
    Il padrone però si dice ingannato dai suoi fornitori:
    Il padrone paga chi lo inganna? Niente di tutto ciò: è il padrone che controlla tutta la filiera.
    Complevole che si autoassolve come sempre.
    Si crede forse un benefattore?
    Leggetevi la parte del Capitale, in cui Marx ben descrive come erano trattati i bambini lavoratori nelle fabbriche tessili inglesi del 1800.
    Mi pare che il capitalismo ha spostato la sua zona di brutalissimo sfruttamento, tutto qui.

    "Mi piace"

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: