Home > ANNI '70 / MEMORIA, Lotta Armata, Uncategorized > Paralleli Isis-Br sulla stampa italiana \2 : un commento di Enrico Porsia

Paralleli Isis-Br sulla stampa italiana \2 : un commento di Enrico Porsia


Dopo il commento di Barbara Balzerani pubblico con piacere un secondo intervento come risposta al ridicolo articolo uscito sul Secolo XIX, tutto intenzionato a costruire un parallelo tra Isis e Br, con uno specifico riferimento ad un militante ucciso nella lunga notte dell’eccidio di Via Fracchia.
Enrico Porsia, ex militante della colonna genovese delle Brigate Rosse, mi ha inviato queste sue righe a riguardo, che vi giro immediatamente,
senza perdere occasione di salutare Roberto e tutti coloro che sono ancora in grado, con gli occhi vibranti di emozione, di descriverlo e di farlo amare come fosse ancora tra noi.
 [ Per il testo di Barbara Balzerani: QUI ]
« Di recente sono andata sulla tomba di Roberto, a Staglieno.
Ho carezzato la lapide, la foto, la dedica dei suoi compagni,
ho risentito per intero lo stesso dolore.
Se ne faccia una ragione signor Peschiera.
Per tanti non adatti Roberto è stato un fratello,
un compagno fidato, amato, rispettato,
mai dimenticato. Si auguri di meritare la stessa fortuna. »
Barbara Balzerani, in reazione a un articolo comparso su Il Secolo XIX a firma Marco Peschiera :
«  Dal brigatista Dura ad Abaaoud, il terrore fa rima con kalashnikov »

Bellissime e profonde, le ultime frasi del testo, denso, di Barbara.

Guardate pero’ la difficoltà :

Il signor Peschiera, può’ permettersi di sottolineare con impassibile disumanità la… lombrosiana somiglianza fisica, gli occhi, la barbetta, il sorriso …
e questo, senza smettere d’ affermarsi giornalista…che dico, quello é caporedattore ( il capo di Andrea Casazza, l’ autore d’un libro che criminalizzava , già, Roberto).

Mica uno scherzo, redattore capo, quello é pagato per « informare » e verificare le informazioni dei « suoi » giornalisti.

Quello scrive una trentina di righe dettate dall’odio e sono talmente colme di violenza che ci sfregiano il cervello.
Quello pubblica una sua pisciata, con l’ausilio della malafede compila un testo concepito per infangare la memoria di un uomo e attraverso
di lui proseguire a criminalizzare, a negare all’infinito la verità d’una proposta rivoluzionaria collocata dentro lo scontro sociale violento che percorse il Paese.
Marco Peschiera, lo fa in poche righe e per rispondere a queste poche righe, che pero’ si ripetono,
in diverse declinazioni e nel tempo, che bisogna fare ?
Rispiegare tutto ogni volta, sottolineare le falsità palesi che, con gli anni proliferano, in breve,
siamo di fronte ad una situazione asimmetrica.
Quello, quelli, possono ruttare qualunque insulto gli passi per la testa, vomitarlo su un giornale  ed affermarlo come verità e noi,
per smentirli, quanti sforzi dobbiamo compiere?
Come rispondere alla facilità vigliacca d’uno sputo che t’arriva, con aria sadica e compiaciuta, da uno che si sporge
dal piano di sopra ? Al riparo lui e allo scoperto tu.
Su Roberto, a Genova ( ma non solo)c’é poi proprio una fissa.
Vogliono crocifiggerlo nel ruolo del male assoluto.
Il talebano, sanguinario e spietato e psicopatico.
Visibilmente ne hanno bisogno.
Visibilmente la tomba di Roberto mai abbandonata, fiorita e accarezzata costituisce, per loro, un simbolo insopportabile.
Perché?
Il Peschiera era all’epoca un capetto della Fgci in cerca di carriera.
Da buon suddito del potere inizio’ a fare il giornalista proprio quando la stampa era embedded con Dalla Chiesa.
Marco Peschiera e via Fracchia… una vecchia storia !
Peschiera era uno dei giornalisti sul posto.
Uno di quelli che avrebbe dovuto fare il suo lavoro, testimoniare.
Testimone d’un quadruplo assassinio. Uccisi nel sonno. Non lo nega neppure lui, oggi.
Oggi… si permette addirittura di fare una battuta sul fatto che quando Roberto é stato ucciso, non era vestito, ma in mutande.
Peschiera sottolinea, meticolosamente, questo particolare, come lo trovasse divertente, deridere un morto.
Immondo.
Lo stesso Peschiera, all’epoca, diceva, in coro coi caramba, che i nostri compagni avevano reagito, sparato, sganciato bombe a mano e quant’altro.
E’ singolare, sapendo proprio che il Marco Peschiera, che é stato fisicamente testimone , che era li’, sul posto, il 28 marzo 1980, in via Fracchia,
possa ancora oggi non solo proseguire a diffondere menzogne per mezzo stampa, ma anche continuare a gioire, a deliziarsi, della morte dei nostri compagni.
Tanti anni dopo ha ancora bisogno di  continuare a danzare sui cadaveri, d’accanirsi su di loro.
Odio infinito, ma anche forma d’ irrequieta impotenza.
Perché se no insistere talmente, infierire senza sosta, perché farlo se fosse certo, convinto, della sua
inverosimile realtà ?
Resta dunque l’esorcismo. Rito perpetuo e diffuso, a Zena.
In tanti ambienti, forse, in tutti.
Una città fatta d’intrecci, di caste e di rapporti ben perversi,  il PCI, in tutte le sue varianti e la borghesia genovese, uniti dalla stessa ipocrisia, come dalle stesse mangiatoie.
Una città, divenuta un incubo di sottomissione, che ha paura di vivere ancora, con terrore, il ricordo d’una brezza di novità, di ribellione.
Una storia fatta di uomini e donne che vissero e proposero attimi di sincera libertà. Attimi, visibilmente infiniti.
Enrico Porsia, ex militante della colonna genovese delle Brigate Rosse
RiccardoLapide

Foto di Enrico Porsia

Advertisements
  1. 30 novembre 2015 alle 08:39

    A dire il vero è stato più un mantra recitato in più occasioni da più emittenti della propaganda ad aver diffuso la litania di cui il signor Peschiera si è fatto latore in quest ultima occasione locale. Questa teoria, buttata sul filone patriottardo, serve a mascherare le debolezze strutturali e d apparato dello stato, il quale in mancanza di mezzi, tecnologie, competenze per affrontare questo nuovo pericolo, ricorre alla droga degli stati straccioni per vincere la guerra: l’arma ideologica. Purtroppo le vicende di 40 anni fa sono solo il disonesto strumento, l’unica arma di cui dispone, con cui uno stato debole cerca di far fronte a questa nuova emergenza.

  2. enzo
    10 dicembre 2015 alle 18:50

    sono persone sporche , di una vilta inconcepibile, mistificano la storia gettano spazzatura , difendono corruzione mafiosità recitano la loro miseria umana contro compagni/e che in prima persona combattere l infamia del capitalismo e la sue stragi contro il proletariato il pci era parte integrante al progetto di agnentamento di ogni soggetto alla sua sinistra.

  3. Massimo
    13 dicembre 2015 alle 15:59

    ero un amico di Riccardo Dura,del quale ricordo la viva intelligenza e l’ingiusta condizione di solitudine umana cui era stato relegato e alla quale le parole miserabili di Peschiera vorrebbero consegnarlo per sempre. Signor Peschiera ! I fratelli,i compagni,gli amici di Riccardo sono talmente tanti, che lei non potrebbe nemmeno immaginare .Essi devono solo vincere la paura,la rassegnazione,il terrore,che gente come lei semina quotidianamente come argine a ciò che è vero e giusto.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: