Home > ACAB, Atene, RIVOLTE e RIVOLUZIONI, tortura > Grecia: se secondo voi è normale tutto ciò

Grecia: se secondo voi è normale tutto ciò


A guardare queste immagini ci si immagina l’arresto del secolo,
il Provenzano dell’Ellade, un’enorme operazione contro la criminalità organizzata o che ne so,
contro una “cellula” pronta a colpire qualche luogo sensibile della capitale greca.

Le immagini dell’arresto di uno dei 4 ragazzi torturati

Le immagini di questi arresti sono incapaci di raccontare la verità dei fatti,
la falsano, permetteno a chi le guarda di dar spago all’immaginazione costruita in anni di polizieschi o film sull’ “antiterrosismo”.
Invece sono dei ragazzi.
Dei ragazzi la cui colpa è quella di aver partecipato a delle manifestazioni,
dei ragazzi anarchici colpevoli di muoversi contro uno Stato che ha affamato e sventrato la società greca in pochi cinici maledetti passaggi.
un esempio calzante si può prendere da quel che è accaduto ieri ad Atene, dove un gruppo di agricoltori ha iniziato a distribuire frutta e verdura gratuitamente davanti al ministero dell’Agricoltura: 50 tonnellate di alimenti distribuiti in meno di tre ore.
Le interviste rilasciate da chi era in fila per un broccolo o mezzo kg di pomodori lasciano attoniti.

Per non parlare delle notizie, che putroppo poco ci stupiscono, sui quattro ragazzi torturati: già, proprio torturati, perché accusati di una rapina in una banca di Kozani.

Per tornare al video che vi linko qui sotto;
leggo che uno di loro era molto amico di Alexis, ucciso a 16 anni da un proiettile di Stato senza alcuna ragione:
era accanto a lui quand’è caduto a terra morto. Aveva 16 anni, Alexis e da quella serata, da quella piazzetta di Exarchia sporca del suo sangue niente è tornato più come prima.
In tutta la Grecia.
La pagherete prima o poi!
Solidarietà agli arrestati, solidarietà a tutti quelli colpiti dalla repressione, solidarietà per chi ha la carne lacerata dalla loro tortura.
Fuoco alle carceri!
[Leggi: Chi sono i teppisti?]

Annunci
  1. nessuno
    8 febbraio 2013 alle 13:35

    Gli italiani hanno il vantaggio di vedere il proprio futuro attraverso le vicende che oggi accadono in Grecia. Questa è l’Europa che vogliono imporci !!! Se tutto ciò è normale? credo che dovremmo abituarci all’idea che la democrazia sia finita da un pezzo. Queste vicende si ripeteranno ancora e ancora, sia in Grecia che in Italia, finchè alla fine ci sembrerà normale tutto ciò. Alla fine neanche ci si scandalizza più. Triste storia dell’umanità che non impara mai dai suoi errori. Penso che l’uomo sia la specie più inutile e stupida di questo pianeta. Se fossi Dio distruggerei l’umanità una volta per tutte. Mi vergogno di essere umano tanta è la mavalgità che da sempre ha dimostrato di avere.

  2. giovanni moretti
    8 febbraio 2013 alle 22:34

    In questa temperie il sistema capitalista,in crisi esiziale, sta raschiando il fondo del barile,svolgendo due guerre parallele,una contro quei paesi che rifiutano il modello occidentale, con la scusa della lotta al terrorismo o la difesa dei diritti umani (vedi le aggressioni alla Jugoslavia,Iraq,Afghanistan,Somalia,Libia,Mali,Siria e colpo di stato In Honduras),l’altra contro la classe dei lavoratori degli stessi paesi occidentali, ove la Grecia fa la parte della cavia per i prossimi esperimenti in Portogallo,Spagna,Italia, Irlanda,etc. Il nemico è sempre lo stesso: la cupola che detiene il potere economico ,il cui braccio armato è quella organizzazione a delinquere, quale la Nato. Quello che mi lascia attonito è che in Italia, salvo poche realtà di antagonismo, la macelleria sociale si sta svolgendo grazie all’inerzia di un popolo narcotizzato,immerso in una realtà sociale disgregata e corrotta .Almeno negli anni 70 qualcuno poteva credere nella lotta armata, oggi non c’è neanche questo sogno.

  3. giovanni moretti
    9 febbraio 2013 alle 13:22

    Non comprendo perchè sia stato cancellato il mio commento

  4. 9 febbraio 2013 alle 13:39

    In realtà erano scomparsi anche altri commenti, non so bene perché !
    Tutto rimesso, scusa!

  5. gianni
    10 febbraio 2013 alle 18:15

    Coglierei l’occasione per sottolineare che quei compagni anarchici greci stanno lottando, da veri rivoluzionari, per abbattere lo STATO di qualsiasi tipo perchè è sempre stato uno strumento di potere e di classe che in prospettiva degenera in una dittatura, come è sempre stato fino dai tempi della rivoluzione russa. Viva i Soviet! Viva la Comune! Gianni

  1. 8 febbraio 2013 alle 10:08
  2. 10 febbraio 2013 alle 15:04
  3. 12 febbraio 2013 alle 10:22
  4. 13 febbraio 2013 alle 17:22
  5. 9 dicembre 2014 alle 15:28

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: