Home > Lotta Armata, Per i compagni uccisi... > Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa…

Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa…


Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa penso ad un corridoio stretto.
Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa penso a 4 cadaveri in fila.

Via Fracchia, 28 marzo 1980

Giustiziati.
Ogni volta che sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa sento decine di colpi d’arma da fuoco ad interrompere il sonno di 4 persone.
Ogni volta che sento parlare dell’eroe di Stato Carlo Alberto Dalla Chiesa penso a come si dorme profondamente alle 2.42 di notte, anche da clandestini.

E penso ad Annamaria Ludmann, 32 anni , a Lorenzo Betassa, 28 anni, a Piero Panciarelli, 25 anni,  a Riccardo Dura di 30 anni,
il cui sorriso e simpatia sono arrivati ai giorni nostri dai racconti di TUTTI quelli che hanno diviso con lui anche solo un caffè…

Quando penso a Carlo Alberto Dalla Chiesa sento un brivido lungo come quel corridoio e il silenzio piombato su una strage palese.
Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa vorrei tanto, perdio se lo vorrei, sentir parlare dell’eccidio di Via Fracchia, in quella triste notte genovese del 28 marzo 1980.
Quando sento il nome di Dalla Chiesa penso a Giancarlo Del Padrone, morto nel carcere delle Murate, durante la rivolta, da lui sedata.
Quando sento il nome di Dalla Chiesa penso alla rivolta nel carcere di Alessandria del 1974, sedata a colpi di fucile, con 5 morti a terra.

Annamaria, Riccardo, Lorenzo, Piero: A PUGNO CHIUSO

Advertisements
  1. savinoas
    3 settembre 2012 alle 18:17

    Quado si praticava la tortura e l’omicidio mirato, o la legge del taglione …tutte di Stato naturalmente! (oltre che tribunali speciali e carceri speciali)

  2. gianni
    3 settembre 2012 alle 18:27

    Ognuno piange i suoi morti e fa tesoro delle sue esperienze

  3. Giovanna
    3 settembre 2012 alle 18:41

    Ha pagato per quello che ha fatto, la mafia non ha risparmiato il generalissimo assassino supermedagliato

  4. Bobo
    3 settembre 2012 alle 19:30

    “Anche la P2, centro corrotto e corruttore, è questione morale”, disse Spadolini senza alzare lo sguardo perché temeva quell’uomo forte e leale. “E lei aveva presentato domanda di iscrizione a quella loggia segreta, che io ho sciolto e…”.
    Aggiustandosi gli occhiali, Carlo Alberto Dalla Chiesa parlò deciso.
    “Io la interrompo, e non mi scuso se lo faccio. Sono stanco di ascoltare queste parole, che portano a frasi fatte, ripetute e risapute, usate da coloro che, senza un motivo, cercano di criminalizzare gli altri o di condannarli alla morte civile, come è successo con me. Basta, basta davvero… Io ho fatto la domanda, ma nella P2 non sono mai entrato. Per quanto ne sapevo, per le persone che conoscevo, si tratta di uomini per bene, servitori dello Stato, che oggi si vuole togliere di mezzo, per puri scopi di interesse personale e per un processo politico che, mi ascolti bene, tende a cambiare le istituzioni. A mettere fuori gioco anche lei, perché qui si cerca di portare al governo i comunisti. Lo so come lo sa lei, e può immaginare cosa accadrà in Italia, quel giorno. Cosa accadrà anche a lei”

    Dalla Chiesa, anticomunista e piduista

  5. 3 settembre 2012 alle 19:32

    La mafia è un pezzo della borghesia, un pezzo che produce, vende e compra merci che il resto della borghesia ha deciso essere ‘illegali’, ma sempre un pezzo della borghesia è. Quindi è stato abbattuto quando ha smesso di essere utile alla classe dominante ammazzando gli oppositori e ha cominciato a dar fastidio. Nemmeno una lacrima per costui.

  6. icittadiniprimaditutto
    3 settembre 2012 alle 22:31

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  7. 4 settembre 2012 alle 08:17

    I nemici sono nemici anche da morti, altrimenti che nemici sono? Quindi il saluto di Valentina al generale non è solo opportuno, è obbligatorio. Cerchiamo di farlo arrivare a tutta l’Italia che soffre.

  8. 4 settembre 2012 alle 08:32

    C’è troppo odio nelle nostre vite… a destra e a sinistra, nei contestatori e nelle forze dell’ordine… così ammazziamo il mondo… Stefano

  9. 4 settembre 2012 alle 08:33

    Così magari lo salviamo …
    Tutti sti decenni di pacifismo mi pare siano stati belli distruttivi per ‘il mondo’

    O no?

  10. 4 settembre 2012 alle 08:35

    Il pacifismo è un atto moralistico, il perdono un gesto sapiente per ripartire verso la giustizia, o no?

  11. 4 settembre 2012 alle 08:37

    Perdono?
    Ma se abbiamo gente torturata con il waterboarding ancora in cella dopo 32 anni…
    Perdono de che?

  12. 4 settembre 2012 alle 08:40

    e hai ragione, ma allora ammazziamoci tutti così avremo altri in cella per più di 32 anni. A volte la difesa delle posizioni ad oltranza, ci ributta nel medioevo e ci rimanda alla caccia delle streghe. Comunque grazie per lo scambio di battute. Stefano

  13. 4 settembre 2012 alle 08:41

    Se abbattiamo le carceri e il concetto di privazione di libertà come espiazione della colpa No !
    😉

  14. 4 settembre 2012 alle 08:43

    è una soluzione… anche se mi piace di più lavorare sulle persone per condividerne aspirazioni e realizzarle pienamente. Ed è poi ciò che cerco per me… Un caro saluto

  15. 4 settembre 2012 alle 20:47

    Siete un mucchio di ottusi imbecilli. Ve lo dico con tutto il cuore. Tanti saluti.

  16. 5 settembre 2012 alle 10:26

    PREMESSA : PENSO CHE CI SIANO PARECCHI DUBBI SULLA DINAMICA DELLA STRAGE DI FRACCHIA ..SIAMO SICURI CHE LA RICOSTRUZIONE DEI CARABINIERI SIA VERITIERA? LA DINAMICA RICORDA + UN ESECUZIONE DI MASSA .. IO HO LETTO INVECE (da wiki) CHE QUESTA COLONNA E’ STATA RESPONSABILE DELLA MORTE DI GUIDO ROSSA E IN PARTICOLARE LA RESPONSABILITA ERA DI RICCARDO DURA.. …Riccardo Dura nelle impressioni dei suoi affiliati Riccardo Dura è stato descritto da suoi compagni delle Brigate Rosse, tra cui i pentiti Carlo Bozzo, Gianluigi Cristiani ed in parte anche Adriano Duglio, come un fanatico sanguinario, animato da odio di classe, e perciò soprannominato “Pol Pot”; è stato descritto anche come emotivamente instabile e perciò inaffidabile, il che sarebbe dimostrato dal comportamento tenuto durante gli omicidi di Esposito e Rossa. Lo hanno inoltre presentato come fanatico militarista, avvezzo a terrorizzare le reclute brigatiste, costrette a “scavarsi la fossa” sulla collina dei Righi presso Genova, minacciandole di morte in caso di tradimento. Andrea Marcenaro lo descrive come chiuso e silenzioso. SU QUESTO COSA NE PENSATE?

  17. 5 settembre 2012 alle 10:35

    Diciamo che non leggo solitamente dichiarazioni di chi paga le cambiali allo stato per esser da anni libero sulle spalle dei propri ex compagni, che invece lo stato tiene ancora in carcere, da oltre trent’anni.
    E poi ora il carattere di Riccardo cosa c’entra?
    La ricostruzione di quella notte è assai chiara, basta che ti leggi anche le dichiarazioni di Sciascia a riguardo, non certo “tesserato” di qualche organizzazione armata….
    Per me son 4 corpi giustiziati a terra, presi nel sonno con una copia delle chiavi di casa “donate” al generale da un pentito…
    Potevano aver qualunque carattere, non rientra nei miei interessi nè in quelli della verità storica.

  18. 5 settembre 2012 alle 10:48

    ” a Riccardo Dura di 30 anni, il cui sorriso e simpatia sono arrivati ai giorni nostri dai racconti di TUTTI quelli che hanno diviso con lui anche solo un caffè…” Cosi e’ scritto nel post. Tu dici “Potevano aver qualunque carattere, non rientra nei miei interessi nè in quelli della verità storica.” Ok totalmente d’accordo con te ma allora perché hai scritto che era simpatico? invece Leonardo Sciascia scrisse “Molti sono i punti della vicenda Peci che non mi convincono; e non ultimo quello dell’uccisione dei brigatisti in via Fracchia, a Genova. Non sono per nulla convinto, voglio dire, che quelle persone non potessero essere catturate vive e senza rischi per quei carabinieri che partecipavano all’azione. Né posso ammettere che un corpo di polizia bene addestrato, quale il generale diceva fosse il suo, si fosse fatto sfuggire Peci una prima volta semplicemente perché la casa in cui Peci abitava aveva due porte. “Elementare,” direbbe non dico Sherlock Holmes, ma qualsiasi sottufficiale dell’Arma, “quasi tutte le case hanno due porte.” E in quanto alla P2: non mi convince per nulla che il generale ci fosse entrato (dietro consenso del generale Mino, che era già della P2) per andare a vedere quel che vi succedeva. C’era già suo fratello: poteva farselo dire da lui.”

  19. nino cortesi
    6 settembre 2012 alle 21:34

    Non mi ha mai convinto.

  20. fernando domeniconi
    8 settembre 2012 alle 22:06

    Beh, il dispositivo delle narrazioni dei pentiti è evidente: rispondere alle domande dei nuovi padroni, anzi spesso servilmente anticiparle. Le fandonie inventate contro Riccardo Dura (smentite anche dai suoi ex compagni di Lotta Continua rifarditi) del tipo la fossa fatta scavare per chi voleva uscire dall’organizzazione sono funzionali appunto a giustificare l’esecuzione sommaria di quella notte. Un’idea della persona umanissima che era la offre piuttosto il racconto Papago che dà il nome appunto all’omonima raccolta, da poco pubblicata: quattro storie di barche che sono entrate nella storia. E il Papago è appunto il veliero con cui i brigatisti vanno in Libano a prendere un carico d’armi… E Dura era tra i 4 dell’equipaggio. Grazie baruda per le belle cose che hai scritto su questa tragedia nazionale…

  21. 9 settembre 2012 alle 03:42

    Bellissimo quel racconto, capace di descrivere molto più di quel che narra.
    Grazie a te, Fernando!

  22. Felice
    9 settembre 2012 alle 14:26

    Minervini, Galli, Tobagi, Guido Rossa, Aldo Moro e la sua scorta, Casalegno, Coco, Calabresi e altri…………………………..e insieme a questi il dolore profondo, lento, inesorabile delle loro famiglie…………………………………a questo io anche penso………………….penso che la morte di giovani vite bussi alla porta delle coscienze con le unghie e non con le nocche delle dita………………………..la morte di giovani vite non ha colori, ideologie; non si può leggere la stori attraverso un filtro……………………quando poi lo togli e ti ritrovi davanti ai giovani morti a via Fracchia, come quelli sopra menzionati, e hai capito le dinamiche di quel periodo, ti riservi dal dare un giudizio e rimane un silenzio che non assolve, ne giustifica nessuno………………..un silenzio che è rispetto, rispetto per queste vite stroncate, rispetto per il dolore delle loro famiglie……………………..

  23. Marco Pacifici
    9 settembre 2012 alle 16:56

    Non è possibile che non abbia letto e non abbia in libreria PAPAGO… Fernando Valentina ditemi come e dove trovarlo…(sara’ l’eta’…)

  24. 9 settembre 2012 alle 17:04

    È appena uscito.. Te lo mando…

  25. Marco Pacifici
    9 settembre 2012 alle 21:13

    tI METTO IN PVT L’INDIRIZZO:I TELEFONI GIA LI HAI.. GRAZIE FIGLIA MIA.

  26. Rte
    13 settembre 2012 alle 06:51

    Baruda ovvero la censura rossa. Ridicola.

  27. 13 settembre 2012 alle 12:16

    Rte@tin.it è la prima volta che scrivi su questo blog,
    Se ti ho censurato scrivevi stronzate o insulti, e sicuramente con una mail fasulla.
    Faccio un po’ come mi pare, sai 😉

  28. 14 settembre 2012 alle 23:16

    ….. Anche quando ha detto “le Brigate Rosse sono il pericolo numero uno” i Fatti gli hanno dato torto !

  29. 15 settembre 2012 alle 00:25

    ….. i Compagni NON sono stati giustiziati ma sono stati vigliaccamente e inpunemente assasinati disarmati, la foto parla chiaro ! …..

  30. Moncada
    31 ottobre 2012 alle 22:22

    Quando sento parlare di Carlo Alberto Dalla Chiesa mi assalgono conati di vomito e penso a quanto sia malata una Società che considera eroi soggetti come quest’individuo.

  31. Fiamma Schiavi
    5 agosto 2013 alle 10:09

    Il solo nome del generale mi causa attacchi di dissenteria.Qualcuno dirà che questa è mancanza di rispetto.Sissignori,proprio così.Non lo rispettavo da vivo perché dovrei farlo da morto?

  32. gianni landi
    5 agosto 2013 alle 16:55

    I sentimenti che provo ogni volta che sento nominare uomini come Carlo Alberto Dalla Chiesa, come tutti i servitori ben pagati dallo Stato, cioè da noi, non hanno nessuna rilevanza sul piano emotivo ma soltanto indifferenza. La mia coscienza rivoluzionaria è fatta di amore verso gli oppressi, solidarietà per coloro che languono nelle galere, dolore per tutti i combattenti per un mondo nuovo e che ci hanno lasciata una eredità che da significato alla nostra vita. Provo dolore e commozione profonda ogni volta sento nominare una compagna od un compagno assassinato o che ha sofferto lunghi anni di detenzione per ideali comunisti od anarchici, nella indifferenza parziale o totale, presente o passata, della gente “piccola -piccola”. Ho un solo rimpianto oggi che ho 74 anni: essere un “salvato” nella folta schiera dei “sommersi e dei salvati”; ma tanto orgoglio per non aver sprecata la mia esistenza senza aver tentato tutto quanto era nelle mie capacità e disponibilità. “Assassini” forse, come ci qualifica qualcuno, ma dalla parte giusta sicuramente!! Gianni Landi

  33. Francesco
    6 agosto 2013 alle 13:47

    la giustizia negata per i tantissimi combattenti.

  34. Peppe
    7 agosto 2013 alle 15:37

    Be! neanche lui (almeno) è morto nel suo letto..da vero servitore dello stato!

  35. giovanni moretti
    7 agosto 2013 alle 20:56

    e dallo stato tradito, o meglio da chi occupa lo stato, quando non serviva più e cominciava a essere … ingombrante. Eh, la nemesi…

  36. Angelina
    11 agosto 2013 alle 15:13

    Appunto….è la nemesi !

  37. Riccardo
    1 aprile 2014 alle 08:21

    salve vorrei poter avere i titoli di questi libri che vorrei leggere !grazie

  38. VIVA-ZAPATA
    3 settembre 2014 alle 20:14

    Stiamo parlando di un “signore” che ha giustiziato i suoi nemici esattamente come ha fatto chi riteneva lui suo nemico.

  39. 5 settembre 2014 alle 11:32

    Senza giustizia, nessuna pace. Rta, prendi una pistola carica, infilatela nel culo, e premi il grilletto. Facci sto piacere. Censurare idioti, servi, e prezzolati è un dovere.

  40. palmiro sità
    5 settembre 2014 alle 19:01

    cazzo..non ho parole…chiudo il pugno. forte.

  41. Giuseppina Morabito
    21 agosto 2015 alle 16:11

    Non mi meraviglio da quanto scritto sù,riesco ancora ad indignarmi anche se sono cresciuta con i sopprusi di stato… la mia famiglia ha subito un omicidio di stato; ma tutto ciò che mi e ci succedeva era ed è da “Voi con il pugno alzato” non solo plaudito ma anzi avallato perchè se la così detta giustizia ci tocca è ingiusta ..è fascista ( io dico che Stalin non era da meno),e chi più ne ha più ne metta,se tocca altri, quelli che noi consideriamo “Nemici” (ma chi c…….o vi ha mai visti!?,allora chi amm…..somministra la “Giustizia” diventa improvvisamente Unto direttamente dal Signore Dio.Fatemi il piacere siate più coerenti e soprattutto contate fino a dieci prima di esprimervi su cose persone e luoghi che non conoscete,infinne vi dico amaramente che evidentemente questi sono gli eroi che ci meritiamo cit. Povera è quella nazione che ha bisogno di eroi

  42. Andrea
    23 agosto 2015 alle 13:22

    Quelli che per lo stato sono eroi,per una parte del popolo resteranno sempre e soltanto dei macellai.

  43. michele maniacco
    25 agosto 2015 alle 17:35

    ho i brividi quando penso alla barbarie di quell’atto,anche a me il pugno si chiude

  44. giovanni
    3 settembre 2015 alle 12:01

    Ognuno sceglie la parte dalla quale stare, con Dalla Chiesa o con i terroristi, con Dalla Chiesa o con i mafiosi. Io sto con Dalla Chiesa. E nel pugno chiuso che ha animato quegli anni sono rimasti solo il sangue delle vittime e la polvere di un progetto miseramente fallito.

  45. 10 febbraio 2016 alle 20:05

    negli anni 73-4 con Riccardo Dura eravamo amici, veniva nella portineria del cantiere navale a Sestri Ponente dove lavoravo nelle ditte private e assieme ad altri compagni nel dare i volantini di Lotta Continua e dopo tempo fui licenziato e trovai lavoro a Bolzaneto e anche lì fui licenziato solo perché i lavoratori mi avevano eletto come loro delegato di fabbrica, la mattina stessa assieme ad altri compagni di Lotta Continua distribuimmo i volantini in mia difesa facendo fare sciopero rivendicando la mia assunzione. questo è Riccardo Dura un compagno rivoluzionario…onore e gloria a te compagno Riccardo ora e sempre resistenza.

  1. 4 settembre 2012 alle 00:29
  2. 4 settembre 2012 alle 12:30
  3. 11 settembre 2012 alle 15:40
  4. 24 febbraio 2013 alle 09:01
  5. 10 agosto 2013 alle 17:49
  6. 13 settembre 2013 alle 13:14
  7. 3 settembre 2014 alle 15:25
  8. 28 novembre 2015 alle 17:47
  9. 25 marzo 2016 alle 11:17

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: