Archivio

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

La nostra giornata mondiale per la disabilità

4 dicembre 2017 2 commenti

Riapro oggi queste pagine dopo mesi che sicuramente ormai saran diventati anni.
Non ho smesso di scrivere ma chissà perchè pubblicamente lo faccio solo su facebook, dimenticando questo blog che è stata una vera e propria casa, come qualunque altra piattaforma social. I meccanismi mentali di tutto ciò li ignoro.
Penso sempre che la storia di Sirio, il suo percorso di riabilitazione, le sue tante battaglie vinte senza saper sorridere ma con tanta gioia vadano raccontate per tanti motivi.
Poi lo faccio e non lo faccio, lasciando la rete vera e propria lontana da tutto, inondando invece facebook di video, foto, racconti ospedalieri e non.
e allora oggi ci riproverò e proverò a farlo sempre: riaprire Baruda.net e seguire questo percorso rivoluzionario che è la vita di mio figlio.

chi vuol venir con noi è il benvenuto.
A presto

INTANTO VI COPIO QUEL CHE HO SCRITTO IERI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE PER I DIRITTI DEI DISABILI.

Oggi è la giornata mondiale per i diritti delle persone con disabilità.24294447_10155599050573429_1320155026716958636_n
La disabilità di Sirio è molto grave e complessa, il suo corpo ospita ausili che gli permettono di alimentarsi e di respirar senza rischi. Sirio non parla ma comunica, non cammina ma deambula, non sorride ma sorride, non fa tante cose ma prova a farle tutte.
In tanti, tutti i giorni, ci fanno i complimenti per i suoi progressi inaspettati: ma non li meritiamo, non da soli. Sirio è una grande fabbrica che lavora a pieno ritmo ed è questa che va ringraziata e il modo migliore di farlo è lottare perché tutti i disabili possano ottenere l’assistenza e il percorso di riabilitazione che Sirio ha conquistato.
Bisogna quindi ringraziare i suoi genitori solo per la tenacia nella lotta alle istituzioni per ottenere parte di quel che gli spetta e fare in modo che questo funzioni al meglio, con le migliori persone, con la più stupefacente intimità che ormai abbiamo con tutta la sua equipe, domiciliare, ospedaliera e scolastica.

Sirio è le due infermiere che lo seguono 11 ore al giorno, Sirio son le due Neuropsicomotriciste che lo vedono quotidianamente, Sirio è la sua logopedista che gli ha permesso con la comunicazione aumentativa di conquistare vette lontanissime, Sirio è la sua Disfagista che cerca di fargli sentire i sapori: e tutto questo è la Asl che c’ha fatto vedere i sorci verdi ma poi ci ha dato tutto ciò.
Sirio è il reparto neuroriabilitazione del Bambin Gesù di Palidoro: il suo reparto di disfagia unico al mondo, il suo Stortini che ha in testa di farlo camminare e ci riuscirà.
Sirio è la sua maestra e quella di sostegno che lo hanno accolto e lo stanno accompagnando in un percorso collettivo straordinario.
Sirio è suo fratello e il modo in cui crescono insieme.
Sirio è tante persone, centinaia di migliaia di euro di persone.

Non abbiamo bisogno di compassione, di pietà, di preghiere: abbiamo bisogno di soldi, di istituzioni capaci di investire su questi bimbi, di reparti accoglienti, di medici illuminati, di lavoro intenso e piacevole, di una legge per i Caregivers, dei contributi per le badanti, di ausili meno costosi, di civiltà per poter girare la propria città e il mondo tutto.
Dei parcheggi liberi, delle rampe, della possibilità reale alla normalità.
#giornataMondialeDellaDisabilità

LEGGI:
La lettera di un papa di un bimbo nato due volte
Il cuore di un bimbo di 2kg, dimesso troppo presto
Il monitor
Il pianto neurologico
La mozzarella che portò via il sorriso
Gianicolo e desideri
La caduta degli angeli
Verso il ritorno
Calabroni in neuroriabilitazione
Imparare a contare

Annunci

Se veramente quella gente difendesse la famiglia…

31 gennaio 2016 2 commenti

12654407_10208562632369383_2313179521282330245_nLa famiglia non è sotto attacco eppure qualcuno (pochi) ha deciso di scendere in piazza in suo sostegno, “a sua difesa”. Una manifestazione dai toni aggressivi ed escludenti, nascosti dietro immagini amorevoli e smielate di unità familiare, di moralità e sacra unione.
Queste famiglie sono militanti, scelgono di scendere in piazza, di ostentare un “guardate chi siamo e quanto siamo belli e giusti”, hanno energie da vendere in un’era più che apatica.

Qualche centinaio di km più a sud, pochissimi, e in qualche isoletta di un nostro paese limitrofo, muoiono affogate centinaia di famiglie.
Famiglie eh!?! Proprio quelle che piacciono a loro.
La maggiorparte dei morti affogati (morti affogati, una cosa inenarrabile nella nostra epoca di tecnologie avanzate e finger food) sono proprio il ritratto della famiglia che dovrebbe piacere tanto all’armata del Ku Klux Klan scesa ieri al Circo Massimo.
Un papà, una mamma e tanti tanti figli: famiglie eterosessuali, unite dal sacro vincolo matrimoniale, famiglie che chiedono aiuto proprio a noi,
e mentre lo chiedono annaspano nell’acqua gelida fino a morire.
Sopravvivono a volte, ma hanno visto i propri figli deglutiti dalla bocca dell’Europa, gluc, mandati giù in un sol boccone, dissolti nel blu.czrofhwwkaevfwc

Se veramente quella gente difendesse la famiglia, non potrebbe sopravvivere inerme davanti all’affogamento della famiglia.
Se veramente quella gente difendesse la famiglia (cosa cazzo sarà poi mai sta famiglia) insegnerebbe ai propri figli a difenderla, salvando vite in mare.
Organizzando una vera solidarietà “in difesa della famiglia”.
Se veramente quella gente difendesse la famiglia, tante donne e tanti uomini arriverebbero qui con i figli in braccio, su un corridoio umanitario dignitoso e percorribile.
Ci vorrebbe così poco…

La sviolinata del Ministero dell’Interno a Casa Pound

30 gennaio 2016 1 commento

Ma guarda tu, se un blog che tace da tempo con tanti “purtroppo” che lo rendono ormai muto deve riaprir bocca per parlar di fascisti.
Di fascisti, quelli di cui nella vita ho sempre provato a non occuparmi a meno che non era un problema contingente e da risolvere rapidamente: come quando ti viene la diarrea, ecco.
I fascisti, dicevamo: ma mica quelli brutti e cattivi, neri e violenti che potete immaginare, sia mai.
Parliamo di una querela per diffamazione, presentata da Gianluca Iannone contro Paolo Persichetti: una querela vecchia come il cucco per un articolo uscito su un quotidiano ormai scomparso da tempo l’8 maggio del 2010 (che trovate a questo link: Più case, meno Pound)Il povero Iannone si è offeso tantissimo, perchè addirittura il Persichetti si sarebbe azzardato di metter per iscritto che “lo sfoggio di retorica giovanilista e vitalista con un target studentesco ben preciso, l’estetismo autocontemplativo, il «siamo belli come il sole», «17 anni tutta la vita», «giovinezza al potere» che rinviano ad una sorta di impoliticità ormonale, di onanismo ideologico, di acne militante e le canzoni di Rino Gaetano, non cancellano la lunga lista di aggressioni, iniziative contro i disabili, xenofobia e brindisi alla Shoa.”
Il tutto è un po’ surreale e potete trovare più informazioni sul blog di Paolo Persichetti, dove verranno pubblicati anche i vari aggiornamenti che questa storia avrà.
Ma niente di tutto ciò è realmente capace di suscitare il minimo interesse.

La cosa più interessante, soprattutto alla luce delle aggressioni di queste precedenti ore a Napoli avvenute a suon di sprangate e martellate (con splendidi vessilli della Decima Mas) è invece un documento (protocollo N.224/SIG. DIV 2/Sez.2/4333) della Direzione centrale della Polizia di prevenzione datato 11 aprile 2015, con sigla in calce del prefetto Mario Papa, allegato dal legale di CasaPound Italia in una causa civile che vede coinvolta l’organizzione dei “fascisti del terzo millennio”, sulla base di una ordinanza emessa dal giudice.
Scoprirete a vostra insaputa che Casa Pound è in realtà quel che desideravate per i vostri figli, un gruppo di fanciulli dediti alla solidarietà e la tutela delle fasce deboli, giovincelli capaci di riportare alla luce “gli aspetti innovativi e di promozione sociale del ventennio”, attenti al sovraffollamento carcerario e inseriti nelle rappresentanze studentesche.

Due fitte  ed empatiche pagine del Ministero dell’interno, con tanti di timbrini e protocolli, che lascia basiti: non manca il riferimento alle occupazioni di immobili in disuso effettuate da “Mutuo Sociale”, peccato che lo stesso ministero che tenta di accusare di organizzazione sovversiva ed estorsione i movimenti che da anni lottano per il diritto all’abitare a fianco dei senza casa e delle fasce precarie della società, le descrive come dei metodi per “la segnalazione dello stato di degrado di strutture pubbliche per sollecitarne la riqualificazione”.

Veramente dei ragazzi stupendi, da desiderare nei quartieri e nelle piazzette.
Parola del Ministero dell’Interno!

Le armi usate a Napoli durante l’aggressione del 29/01/2016, dei bravissimi ragazzi di Casa Pound Napoli davanti al Liceo Vittorini

 

 

Ora ho capito, stai ballando con David Bowie 

11 gennaio 2016 Lascia un commento

Il primo sguardo, uscita dalla sala parto fu quello di mia madre: era l’8 gennaio del 2010, fuori diluviava ferocemente, ma noi vivevamo tutti in una bolla di gioia.

“Questo nipote mio è un portento, s’è scelto il giorno di David Bowie per  

 nascere”… Che altro poteva dirmi mia madre? Mi ci hai allattato, mi hai fatto ballare tutta la vita con lui, mi hai spiegato cos’era la sensualità, la bellezza, la trasgressione davanti ai due occhi di Bowie, ognuno col suo colore e il suo carattere. Quanto lo hai amato. 

Ricordo le litigate con mio padre che non mi voleva portare al Glass Spider Tour e tu invece mi volevi.

Ricordo ogni cosa, purtroppo o per fortuna. Anche la canzone che ho scelto mentre il tuo corpo lasciava quel cortile trasteverino, pochi mesi fa, tra il dolore e l’incredulità di tutti. Tu l’hai battuto in giovinezza, ma è stata una bella rincorsa.

Penso a quel suo “shhhhh” che tanto ti eccitava, mi piace pensare che lo stia sussurrando al tuo orecchio. Finalmente.

Queste le note che ho scelto per salutare mia madre: con queste mi piace salutare anche te che sei stato uno di casa, che sei stato un po’ papà un po’ amante. http://youtu.be/rJCBYUKMvMQ
A te…

Categorie:Uncategorized

Colorado springs: ogni religione ha il suo Isis

28 novembre 2015 Lascia un commento

Nessuno che chiede ad intere comunità di “prendere le distanze”.
Nessuno che chiama questo fatto con il suo nome.
Nessuno che azzarda paralleli con le Brigate Rosse.
Un’attenzione e una delicatezza incredibile nello scegliere di non usare mai, mai, le parole terrorismo, fondamentalismo cattolico: non vedo chiari ed espliciti riferimenti ai “pro life”.
I veri esecutori di quello che non si può non definire un massacro,  tentativo di una vera e propria carneficina.

pancionefemmnista

Una scelta nostra. Una scelta solo nostra.

Immaginate l’odore di pulito, i corridoi luminosi, i camici, le stanze e le salette d’attesa: immaginate infermieri ed utenti, medici e sale operatorie.
Immaginate poi un kalashnikov (sembra che sia questa l’arma utilizzata) e il suo indistinguibile suono, immaginate quel che è un corridoio di una clinica per il controllo delle nascite cosa diventi in pochi secondi.
Tra sangue, cadaveri, urla, fuggi fuggi, altri spari, altri morti e quasi una decina di feriti: il luogo di questo che sembra uno dei soliti deliri americani con spari all’impazzata chiarifica immediatamente la scena.
Il luogo non è stato scelto a caso perchè la Planned Parenthood è una struttura medica per il controllo delle nascite dove si praticano aborti, già presa di mira dai militanti pro-life nel passato.

kkk_2868392bQuindi un chiaro attacco alla donna, all’autodeterminazione, alla libertà di scelta: ma non è un bistrot parigino, il killer è “solo” un appartenente alla destra fondamentalista, vicino al Ku Klux Klan, non un barbuto islamico da cui milioni di persone si trovano costrette a “prender le distanze” solo perché appartenenti allo stesso credo.
8 dipendeneti di cliniche dove si praticano aborti son stati uccisi negli Stati Uniti negli ultimi 30 anni, molte e molte di più son le donne che muoiono per praticare aborti clandestini anche nel nostro paese.
La guerra che le religioni combattono contro il corpo delle donne non ha diverse bandiere ma una sola: quella del patriarcato e quella di oggi è solo un’altra bella pagina di terrorismo cattolico mascherato da raptus.

LEGGI ANCHE:
23 Paesi europei danno la pillola del giorno dopo senza ricetta
Abortire in un cesso
“Stupratele! Tanto poi abortiscono”
Uno sfogo sulla RU486
–  Sul cimitero dei feti
Marcia per la vita: dovete morì tutti
La pillola del giorno dopo a Roma

Paralleli Isis-Br sulla stampa italiana \2 : un commento di Enrico Porsia

26 novembre 2015 3 commenti

Dopo il commento di Barbara Balzerani pubblico con piacere un secondo intervento come risposta al ridicolo articolo uscito sul Secolo XIX, tutto intenzionato a costruire un parallelo tra Isis e Br, con uno specifico riferimento ad un militante ucciso nella lunga notte dell’eccidio di Via Fracchia.
Enrico Porsia, ex militante della colonna genovese delle Brigate Rosse, mi ha inviato queste sue righe a riguardo, che vi giro immediatamente,
senza perdere occasione di salutare Roberto e tutti coloro che sono ancora in grado, con gli occhi vibranti di emozione, di descriverlo e di farlo amare come fosse ancora tra noi.
 [ Per il testo di Barbara Balzerani: QUI ]
« Di recente sono andata sulla tomba di Roberto, a Staglieno.
Ho carezzato la lapide, la foto, la dedica dei suoi compagni,
ho risentito per intero lo stesso dolore.
Se ne faccia una ragione signor Peschiera.
Per tanti non adatti Roberto è stato un fratello,
un compagno fidato, amato, rispettato,
mai dimenticato. Si auguri di meritare la stessa fortuna. »
Barbara Balzerani, in reazione a un articolo comparso su Il Secolo XIX a firma Marco Peschiera :
«  Dal brigatista Dura ad Abaaoud, il terrore fa rima con kalashnikov »

Bellissime e profonde, le ultime frasi del testo, denso, di Barbara.

Guardate pero’ la difficoltà :

Il signor Peschiera, può’ permettersi di sottolineare con impassibile disumanità la… lombrosiana somiglianza fisica, gli occhi, la barbetta, il sorriso …
e questo, senza smettere d’ affermarsi giornalista…che dico, quello é caporedattore ( il capo di Andrea Casazza, l’ autore d’un libro che criminalizzava , già, Roberto).

Mica uno scherzo, redattore capo, quello é pagato per « informare » e verificare le informazioni dei « suoi » giornalisti.

Quello scrive una trentina di righe dettate dall’odio e sono talmente colme di violenza che ci sfregiano il cervello.
Quello pubblica una sua pisciata, con l’ausilio della malafede compila un testo concepito per infangare la memoria di un uomo e attraverso
di lui proseguire a criminalizzare, a negare all’infinito la verità d’una proposta rivoluzionaria collocata dentro lo scontro sociale violento che percorse il Paese.
Marco Peschiera, lo fa in poche righe e per rispondere a queste poche righe, che pero’ si ripetono,
in diverse declinazioni e nel tempo, che bisogna fare ?
Rispiegare tutto ogni volta, sottolineare le falsità palesi che, con gli anni proliferano, in breve,
siamo di fronte ad una situazione asimmetrica.
Quello, quelli, possono ruttare qualunque insulto gli passi per la testa, vomitarlo su un giornale  ed affermarlo come verità e noi,
per smentirli, quanti sforzi dobbiamo compiere?
Come rispondere alla facilità vigliacca d’uno sputo che t’arriva, con aria sadica e compiaciuta, da uno che si sporge
dal piano di sopra ? Al riparo lui e allo scoperto tu.
Su Roberto, a Genova ( ma non solo)c’é poi proprio una fissa.
Vogliono crocifiggerlo nel ruolo del male assoluto.
Il talebano, sanguinario e spietato e psicopatico.
Visibilmente ne hanno bisogno.
Visibilmente la tomba di Roberto mai abbandonata, fiorita e accarezzata costituisce, per loro, un simbolo insopportabile.
Perché?
Il Peschiera era all’epoca un capetto della Fgci in cerca di carriera.
Da buon suddito del potere inizio’ a fare il giornalista proprio quando la stampa era embedded con Dalla Chiesa.
Marco Peschiera e via Fracchia… una vecchia storia !
Peschiera era uno dei giornalisti sul posto.
Uno di quelli che avrebbe dovuto fare il suo lavoro, testimoniare.
Testimone d’un quadruplo assassinio. Uccisi nel sonno. Non lo nega neppure lui, oggi.
Oggi… si permette addirittura di fare una battuta sul fatto che quando Roberto é stato ucciso, non era vestito, ma in mutande.
Peschiera sottolinea, meticolosamente, questo particolare, come lo trovasse divertente, deridere un morto.
Immondo.
Lo stesso Peschiera, all’epoca, diceva, in coro coi caramba, che i nostri compagni avevano reagito, sparato, sganciato bombe a mano e quant’altro.
E’ singolare, sapendo proprio che il Marco Peschiera, che é stato fisicamente testimone , che era li’, sul posto, il 28 marzo 1980, in via Fracchia,
possa ancora oggi non solo proseguire a diffondere menzogne per mezzo stampa, ma anche continuare a gioire, a deliziarsi, della morte dei nostri compagni.
Tanti anni dopo ha ancora bisogno di  continuare a danzare sui cadaveri, d’accanirsi su di loro.
Odio infinito, ma anche forma d’ irrequieta impotenza.
Perché se no insistere talmente, infierire senza sosta, perché farlo se fosse certo, convinto, della sua
inverosimile realtà ?
Resta dunque l’esorcismo. Rito perpetuo e diffuso, a Zena.
In tanti ambienti, forse, in tutti.
Una città fatta d’intrecci, di caste e di rapporti ben perversi,  il PCI, in tutte le sue varianti e la borghesia genovese, uniti dalla stessa ipocrisia, come dalle stesse mangiatoie.
Una città, divenuta un incubo di sottomissione, che ha paura di vivere ancora, con terrore, il ricordo d’una brezza di novità, di ribellione.
Una storia fatta di uomini e donne che vissero e proposero attimi di sincera libertà. Attimi, visibilmente infiniti.
Enrico Porsia, ex militante della colonna genovese delle Brigate Rosse
RiccardoLapide

Foto di Enrico Porsia

Treviso SmartCity? Giammai, che poi si riempie di “africani pericolosi”

25 novembre 2015 Lascia un commento

Ci son sempre notizie che lasciano basiti e fanno un po’ vergognare di essere parte di un paese, poi se capita di leggerle di ritorno dalla prima esperienza in una città come Berlino le parole fanno proprio fatica ad uscire.
Treviso diventa Smart City: wi-fi gratuito in molte piazze, che andrà ad allargarsi velocemente a tutta la città. Un passo avanti, una città m0derna, europea e come si suol dire “smart”. L’assessore della città ha festosamente dichiarato che l’estensione della connessione anche ad altre piazze è per “dare a quanti più cittadini possibile la possibilità di accedere a internet, che significa metterli nelle condizioni di accedere più facilmente al sapere”.

Peccato che l’esser Smart passi obbligatoriamente per l’evoluzione, quella celebrale, neurologica, umana, sociale.
Senza un minimo di intelligenza ci si fa poco col wi-fi libero: diciamo che senza un minimo di intelligenza è impossibile capire il concetto principale di tutta questa operazione: la libertà.

La libertà non piace ai fascisti,
la libertà non piace ai razzisti, agli xenofobi, a quelli che sentono di far parte di qualcosa di superiore, di “eletto”.
E così Treviso una mattina si sveglia e oltre a un po’ di “libero” elettromagnetismo si ritrova tappezzata di foglietti anonimi di cui vi allego l’immagine: il Wi-Fi non piace ai cittadini e il motivo è più che chiaro.
Ne usufruiscono gli “Africani”.

image-1

ditemi se ci son parole…

Le scale delle chiese, le panchine, i parchi pubblici ora vedono la presenza di esseri umani, per di più con pelle nera, che osano usare i propri smartphone per comunicare, sentire musica, fare i cazzi propri.
E questo non va bene: navigare liberamente in internet è, per questi ceffi il modo per trasformare la piazza in un “ritrovo di persone pericolose per la nostra sicurezza”.
L’appello è chiaro ed esplicito: le reti vanno chiuse, disabilitate, SI DEVE INSERIRE UNA PASSWORD.

Mi viene in mente quel cartone che spesso ho visto con mio figlio e descrive il tentativo di una famiglia preistorica di sopravvivere: i cari Croods son popolo mooooolto più intelligente e smart di questi illustri cittadini della municipalità di Treviso,
che bramano ardentemente un rapido ritorno al Medioevo.
Ce li farei tornà volentieri, col tortore proprio!
latest

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: