Home > ACAB > Bimbo 12enne ucciso dalla Polizia in un parchetto a Cleveland: era armato di una pistola giocattolo

Bimbo 12enne ucciso dalla Polizia in un parchetto a Cleveland: era armato di una pistola giocattolo


Non riesco a trovare il suo nome.
Non cerco una sua foto, non ho neanche la voglia di vedere quale potesse essere il suo sorriso: perché a 12 anni un sorriso è sempre manifesto della vita, quella che prova ad esser spensierata anche quando non lo è minimamente.
Ma il suo nome non si riesce a trovare: si trova che è un bimbo di 12 anni, si legge -immediatamente- che è nero.
Si legge che è stato freddato mentre giocava in un parchetto di un centro ricreativo;
nel paese dalle pistole nei supermercati penso sia la cosa più naturale possibile giocare proprio con una pistola. Una pistola giocattolo, quelle che piacciono ai bambini di ogni latitudine, anche quelli cresciuti non solo lontani, ma antagonisti a qualunque tipo di arma, soprattutto se giocattolo.
Magari quando ha visto arrivare le pattuglie, gli agenti, ha visto brandire armi contro di lui, ha sentito il “mani in alto” avrà pensato che mai come quel giorno il gioco sembrava realistico: quindi, in fondo, poteva pure non alzarle le mani davanti allo Stato in ghingheri che stava per crivellarlo.

Ha pensato bene di continuare a giocare, la pistola giocattolo non l’ha abbassata assolutamente,
magari li ha pure guardati brutto, gli avrà fatto la faccia del suo attore preferito nei film sparatutto con cui è stato costretto a crescere dallo stesso Stato assente, presentissimo nel lanciare piombo, ad un nero, di dodici anni, che giocava in un parchetto.

Chissà se dormiranno tranquilli quelli che hanno chiamato il 911 segnalando un “negro con la pistola”.
Spero che nei loro sogni quella pistola compaia continuamente,
Spero incontreranno anche loro lo Stato americano mascherato da sceriffo pieno di piombo,
tanto ce n’è per tutti, soprattutto se neri.
Dice la cronaca sul mainstream americano e internazionale che molte chiamate recitavano “It’s probably fake.”riferendosi all’arma nelle mani del bimbo,
informazione che non deve essere arrivata alla pattuglia

Dopo ore ed ore poi, che ci frega di dargli un nome: è un nero, che ha fatto male a giocare per strada.
Che ha fatto male ad esistere.

Parlo di Cleveland, dopo settimane e settimane che non apro questo blog,
perché riesco ad affrontare la rabbia nel sangue di un ragazzo ucciso dalla polizia senza motivo mentre giocava,
ma non riesco assolutamente a scrivere una sola riga razionale su Tor Sapienza,
su “se Gesù Cristo l’ha fatti bruciati se ne stessero a casa loro”. Ecco, tutto ciò ancora non riesco nemmeno ad osservarlo,
figuriamoci a parlarne con voi.

 

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: