Home > ATTUALITA', L'Italia e il movimento, manifestazione > Il Comune di Roma “cede” l’acqua pubblica …

Il Comune di Roma “cede” l’acqua pubblica …


La neve di questa mattina non ha potuto cancellare l’enormità del furto che si sta cercando di portare a termine a danno dei cittadini di Roma.
Ieri 11 febbraio, in un Consiglio comunale ben poco democratico che ha accolto i vertici di Acea e che ha lasciato fuori i cittadini, la maggioranza ha portato a casa il suo risultato: approvata la mozione che impegna il Sindaco e la sua giunta “a porre in essere tutte le azioni necessarie per delineare un percorso di cessione delle quote azionarie di Acea SpA”.
Immaginiamo i poteri forti di Roma, gli imprenditori e gli immobiliaristi di sempre, fregarsi le mani in attesa di questa nuova gustosa torta da spartirsi: la fretta di Alemanno nel cedere le quote di ACEA quando il decreto Ronchi indica il 2015 come termine ultimo, non fa che svelare l’avidità di quegli interessi speculativi che già da anni gareggiano per saccheggiare la città, ma per noi i servizi che riguardano la salute, il benessere e i diritti dei cittadini non sono “servizi di rilevanza economica” e non lo saranno mai!
Il Forum dei movimenti per l’acqua ha da anni intrapreso un cammino a livello nazionale e internazionale per affermare che l’acqua è un diritto e non una merce, e non saranno gli interessi di quattro palazzinari che già da anni si stanno spartendo la capitale a fermare un fiume che è già in piena!
120 Comuni italiani hanno già approvato delibere che riconoscono l’acqua come “servizio privo di rilevanza economica”, di fatto sottraendola al mercato nel quale il Decreto Ronchi vuole relegarla e centinaia di Comuni ne seguiranno l’esempio.
Centinaia sono le iniziative ed i comitati locali che si battono per l’acqua pubblica, e sempre più numerose sono le vittorie dei comitati nelle vertenze territoriali sull’acqua
Non ci faremo sottrarre un bene primario ed un nostro fondamentale diritto!
Il Coordinamento Romano per l’Acqua Pubblica ribadisce il suo NO a questa decisione del Comune di Roma ribadisce il suo NO ad un mercato predatore che vuol far pagare ai cittadini la crisi del sistema economico capitalistico.

La battaglia per l’acqua pubblica è appena iniziata e riaffermiamo che anche noi “porremo in essere tutte le azioni necessarie”  per tirare fuori l’acqua dal mercato!

Coordinamento Romano Acqua Pubblica

  1. Daniela Minardi
    18 febbraio 2010 alle 14:33

    a costo di lavarmi col vino, non avranno un soldo da me, questi delinquenti!

    "Mi piace"

  1. 17 febbraio 2010 alle 17:41
  2. 22 febbraio 2010 alle 10:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: