Archivio

Archive for 14 aprile 2011

RAPITO VITTORIO ARRIGONI

14 aprile 2011 4 commenti

La notizia è di pochi minuti fa…e c’è anche questo video.
Vittorio Arrigoni sembra proprio sia stato rapito questa mattina da un gruppo salafita che chiede la liberazioni di alcuni prigionieri, nelle mani del governo di Hamas. Tra i detenuti principali di cui si chiede la scarcerazione c’è Abu Walid al-Maqdisi (d’origine egiziana) , leader della formazione salafita Al-tawhid w al-Jihad, arrestato poco più di un mese fa dai servizi di sicurezza di Hamas. Rivendicò alcuni attentati compiuti in alberghi nel Sinai egiziano, nel 2006.
L’ultimatum pare essere di 30 ore.
Siamo con te Vittorio… e sarebbe bello sapere chi ti sta tenendo prigioniero…

VITTORIO E’ STATO UCCISO

LA LISTA NERA ISRAELIANA DI DUE ANNI FA 

Annunci

Israele e l’odio contro i rifugiati africani

14 aprile 2011 2 commenti

Una storia interrante pubblicata su Al-Jazeera english, a firma Mya Guarnieri, giornalista della testata residente a Tel Aviv.
Una zoommata sullo stato di Israele che lascia da parte il conflitto arabo-israeliano e racconta
una storia diversa, che non parla nè ebraico nè arabo, ma una miriade di dialetti africani,
che all’interno del territorio israeliano cercavano rifugio.
Molti provenienti dal Sudan, raccontano il dramma della fuga dalla guerra e dai massacri, spesso giovanissim@
raccontano ad Al-Jazeera come erano rimasti stupefatti dell’accoglienza israeliana, rispetto a quella ricevuta
in altri paesi, come l’Egitto.
Ma era il lontano 1999 e le cose sono di molto cambiate per questa numerosa comunità di rifugiati,
con base nel sud del paese, intorno alla città di Eilat, sbocco sul Mar Rosso dello stato d’Israele.
I bambini sono stati tagliati fuori dalla scuola comunale; il municipio di Eilat ha esposto decine di bandiere rosse
Come parte di una campagna di aperta ostilità nei confronti degli africani presenti, campagna finanziata
con fondi pubblici e richiesta dai dipendenti statali.
La campagna ha il simpatico nome “Proteggiamo le nosre case”, a sottolineare ancora una volta lo stampino xenofobo di quello stato,
non solo contro il “nemico arabo”.
La situazione ad Eilat sta rapidamente degenerando con un aumento delle organizzazioni che tentano di negare le motivazioni per cui i rifugiati ottengono il diritto d’asilo
o di accusarli di essere affiliati di al-Qaeda o Hamas che si infiltrano nel paese.
Nell’intervistare alcuni esponenti di queste organizzazioni xenofobe, la giornalista chiede se non siano
a stampo razzista, la risposta che riceve sarebbe divertente, se non fosse una tragedia che scontano sulla pelle troppe persone:
“non possiamo essere razzisti, siamo ebrei”.
Nel frattempo però le donne e gli uomini rifugiati vengono spesso insultati o picchiati per strada,
le  bandiere rosse scelte come simbolo di quest’ennesima pagina xenofoba e razzista d’Israele sono in continuo aumento e il sospetto
che un sentimento simile dilaghi nel paese è più che fondata.”VIa da casa nostra”, “Deportate 200.000 clandestini lontani da qui”…una pagina di xenofobia che
il popolo d’Israele poteva risparmiarsi…ma ci siamo abituati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: