Archivio

Posts Tagged ‘Carmelo Musumeci’

“Dal letame nascono i fior”?? …sul carcere di Bollate

5 marzo 2010 Lascia un commento

1969 _ Carceri in rivolta_

Pubblico con molto piacere una lettera di Carmelo Musumeci, a cui spesso do spazio in questo blog; ergastolano rinchiuso nel carcere di Spoleto.
Carmelo giustamente, nel leggere il Corriere della sera di martedì rimane un po’ sconcertato dello spazio dato alla notizia (ottima) di una gravidanza tra le sbarre. Come è potuto accadere? Due detenuti che hanno rapporti sessuali dentro il carcere! Il miracolo? Finalmente il diritto all’affettività per i detenuti anche nel nostro paese di merda?
No. Assolutamente !!
I due hanno avuto rapporti clandestini (pensa che palle, tutto estremamente di corsa e con qualche tonnellata di ansia)nell’aula scolastica :
i giornalisti, palesemente invidiosi del fatto che anche i detenuti hanno più orgasmi di loro, sono corsi ad urlare allo scandalo.
In prigione si sta meglio che in vacanza: si mangia, si riposa e si tromba pure!!!
In realtà il carcere di Bollate è un esperimento, unico nel nostro paese.
Quando parliamo di carcere sperimentale parliamo anche di un certo tipo di detenuti, di percorso rieducativo etc. etc. ,
insomma col cavolo che un detenuto “normale” finisce a Bollate!
Noi comuni mortali, noi che non ci venderemmo mai nessuno, noi che non ce piace chiacchierà … noi si finisce in 9 in cella a far l’amore con la claustrofobia e i blindati chiusi.

Perché nelle carceri italiane ci si può togliere la vita ma non si può fare l’amore?
di Carmelo Musumeci dal Carcere di Spoleto, marzo 2010

Nel Corriere della Sera di martedì 2 marzo 2010 ho letto che nel carcere di Bollate una detenuta è rimasta incinta da un detenuto.
Radio carcere sostiene che erano fidanzati e che si potessero vedere solo nell’aula scolastica dell’istituto.
La cosa mi ha fatto sorridere, perché fa tenerezza che in un luogo di sofferenza e dolore nasca l’amore e la vita.
Ho continuato a leggere l’articolo, ad un tratto ho smesso di sorridere.
-Il segretario del sindacato di polizia penitenziaria SAPPE, che ha denunciato l’accaduto, chiede che il ministro Alfano predisponga approfondimenti.
Incredibile!
Il carcere di Bollate, l’unico che in Italia funzioni e che applichi il principio rieducativo previsto dall’articolo 27 della Costituzione, fa scandalo perché i detenuti invece di ammazzarsi fanno l’amore.
Pazzesco!
Il segretario del sindacato di polizia penitenziaria invece di chiedere approfondimenti nei carceri dove si muore come mosche, (da gennaio dodici suicidi dietro le sbarre, al 26/02/2010) chiede approfondimenti nell’unico carcere dove non si è suicidato nessuno, ma è stata concepita una vita.
Tutti parlano e scrivono dei morti in zone di guerra in Afghanistan o in Iraq, ma nessuno ormai parla e scrive più dei morti in carcere in Italia.
Che strano paese è l’Italia: fa notizia che due detenuti invece di ammazzarsi fanno l’amore, ma nessuno scrive e parla del fatto che le persone che si sono tolte la vita nel nostro paese in carcere sono superiori ai soldati americani morti in Afghanistan o in Iraq.
Ricordo ai politici di questo nostro strano Paese che il desiderio d’amore è naturale e istintivo; che l’affettività è da sempre considerata un diritto fondamentale;
che la pena dovrebbe privare le persone soltanto della loro libertà;
che sono ormai tantissimi i Paesi nei quali sono permessi i colloqui intimi, persino paesi come l’Albania, considerato fanalino di coda dell’Europa;
che è disumano il divieto di dare e ricevere una carezza o un bacio dalla persona che ami;
che la mancanza di contatti intimi reca danni alla psiche e alla sfera emozionale;
che un individuo in carcere non perde il diritto di avere diritto;
che un carcerato resta un membro della famiglia umana: anche i detenuti, piangono, sorridono, si nutrono, respirano e pensano, eppure molti di noi non hanno rapporti intimi con le loro compagne da decenni.
Non è naturale questo modo di vivere: in carcere i detenuti non dovrebbero perdere il diritto di amare e di essere amati.

Perché nelle carceri italiane ci si può togliere la vita ma non si può fare l’amore?

Leggi anche
Il sesso tra le sbarre nell’era del Bungabunga

BUON ANNO:dal CARCERE DI SPOLETO

28 dicembre 2008 4 commenti

Buon anno agli uomini ombra più vicini alla morte che alla vita, più vicini al buio che alla luce, tenuti in vita per morire in catene.
Buon anno agli uomini senza speranza che brancolano ciechi nel buio di una cella, cadaveri prima del tempo.esterne051027470512102941_big
Buon anno ai colpevoli per sempre, agli ergastolani con l’ergastolo ostativo ai benefici, destinati a morire in prigione.
Buon anno ai morti viventi che camminano, un passo dietro l’altro, un passo dopo l’altro, avanti ed indietro fra quattro mura, per giorni, mesi, anni e secoli.
Buon anno ai dannati condannati a una pena di sofferenza quotidiana destinata a durare tutta la vita.
Buon anno ai forcaioli per ricordargli che spesso i buoni sono più cattivi dei cattivi se tengono un uomo sepolto vivo per l’eternità.
Buon anno agli uomini senza più sogni e futuro che vivono un incubo a occhi aperti senza nessuna possibilità di svegliarsi.
Buon anno ai condannati a una tortura dell’anima e a un dolore all’infinito, vittime della vendetta della giustizia.
Buon anno ai favorevoli alla pena dell’ergastolo per ricordargli che i cattivi cambiano e migliorano, solo i buoni non cambiano e peggiorano.
Buon anno agli uomini senza tempo, con una pena sempre presente, con un’angoscia sempre presente.
Buon anno agli uomini dal cuore nero che sono contrari alla pena di morte ma sono favorevoli a una pena che non finisce mai.
Buon anno ai non morti, ai non vivi, torturati e uccisi ancora, ancora un po’ di più.
Buon anno ai cattivi che fanno i criminali per non esserlo e a quelli che lo sono ma lo nascondono per non sembrare criminali.
Buon anno ai senza Dio, con il dolore nel cuore e l’amore nell’anima.
Buon anno ai fantasmi senza neppure più un’ombra, cielo, sole, luna e stelle.
Buon anno agli uomini persi, agli uomini tristi, agli uomini infelici, agli uomini che piangono e soffrono, agli uomini maledetti da Dio e dagli uomini perché solo così si può essere vivi pure essendo morti.
Buon anno a quelli che credono come Gesù che l’amore è la migliore vendetta.
Buon anno ai morti in vita.
Buon anno ai lupi cannibali, ai lupi diavoli, a Zanna Blu e a Nadia che in una seggiola a rotelle cammina e corre con l’energia dell’amore.
Buon anno 2009 a tutti gli ergastolani.

Carmelo Musumeci, carcere di Spoleto, anno 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: