Home > ATTUALITA', Operazione Piombo Fuso > Drammatica testimonianza da Gaza

Drammatica testimonianza da Gaza


Drammatica testimonianza di Fares Akram, reporter dell’ ‘Independent’ a Gaza,
che oggi in prima pagina sul quotidiano britannico racconta la morte di suo padre, Akram al-Ghoul, giudice e avvocato oppositore di Hamas, ucciso dalle bombe israeliane sabato mentre era nella sua fattoria presso Beit Lahiya, nel nord della Striscia. «Era la fattoria più vicina al confine nord con Israele», scrive Akram. «Ironicamente, noi abbiamo sempre pensato che il pericolo maggiore non venisse dalle truppe israeliane, che normalmente passavano oltre, quando facevano le incursioni, ma dai razzi fuori bersaglio di Hamas, diretti verso le città israeliane a nord della fattoria». Ma sabato un missile sparato da un F-16 israeliano «ha spento la vita di mio padre, che aveva 48 anni». «La casa era ridotta a poco più; che polvere, e anche di papà non era rimasto molto. ‘Solo un mucchietto di carnè, ha detto mio zio, che lo ha trovato tra le macerie, con brutale onestà». «Come molti abitanti di Gaza, mia madre, le mie sorelle, mia moglie, incinta al nono mese, e io abbiamo passato la scorsa settimana intrappolati nel nostro appartamento in città. Ma mio padre aveva deciso di restare alla fattoria; sapeva che sarebbe stato impossibile tornare là a curare gli animali se fosse iniziata l’attesa invasione via terra. Ma ci chiamava tutti i giorni», scrive il giornalista. L’ultima volta che Akram ha visto suo padre, giovedì scorso, hanno parlato della nascita della nipotina, e come portare la moglie Alaa all’ospedale, tra bombe e caos. Suo zio, giunto alla fattoria sabato, ha trovato le mucche morte e il corpo di un parente adolescente, Mahmoud, che era con suo padre, scagliato 300 metri più in là. Il funerale c’è stato ieri, con i tank israeliani a soli 3 chilometri. «Sentivamo il fuoco delle mitragliatrici, durante il funerale», scrive ancora. «Gli israeliani potranno dire che c’erano militanti nella zona della fattoria, ma non ci crederò», aggiunge. «Il punto più avanzato dei lanciarazzi è a 6 chilometri a sud». Suo padre, racconta Fares, era un uomo pacifico che odiava l’ islamizzazione della giustizia operata da Hamas. «Il mio dolore – conclude – non è accompagnato da desiderio di vendetta, che è sempre vana. Ma in verità, da figlio addolorato, trovo difficile distinguere tra coloro che gli israeliani chiamano terroristi e i piloti e i carristi israeliani che invadono Gaza. Che differenza c’è tra il pilota che ha fatto a pezzi mio padre, e il militante che lancia un piccolo razzo? Non ho risposte, ma mentre sto per diventare padre, ho perso mio padre».

  1. libi
    5 gennaio 2009 alle 23:21

    la differenza tra il pilota israeliano e il militante che lancia “un piccolo razzo” (i razzi sono piu’ di uno e distruggono case anche se qui dichiarati piccoli) e’ questa:
    il militante cerca di uccidere tanti padri (e non solo)al sud di israele.
    il pilota israeliano cerca di uccidere i militanti che cercano di uccidere i padri al sud di israele.

    mi dispiace per la perdita comunque

    "Mi piace"

  2. 6 gennaio 2009 alle 09:22

    Qui sopra è iniziato il bestiario.
    Le parole di questo LIBI si definiscono da sole.

    "Mi piace"

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: