Home > ACAB, Morire in carcere, tortura > Giuseppe Uva, altro assassinio per mano dello stato

Giuseppe Uva, altro assassinio per mano dello stato


Non è solo abuso di potere, non è solo infamia dello stato su corpi prigionieri, è sadismo, è una patologia di sopraffazione che ormai pervade le forze dell’ordine.
Eh si, non è un’esagerazione questa frase, proprio no perchè i numeri sono troppi, iniziano ad essere insostenibili anche agli occhi dei più ciechi. Non è possibile.
Non è possibile che si possa morire per un fermo in stato d’ebbrezza.
Non è possibile morire come Stefano Cucchi, o massacrato su un marciapiede come Aldro. Non è possibile morire come Marcello Lonzi, che sembrava inciampato in un secchio di vernice rossa in quella maledetta cella.

Non si può morire come Aldo Bianzino.
Ed oggi scopro che non si può morire nemmeno come Giuseppe Uva, 43enne, fermato da una volante dei carabinieri il 14 giugno del 2008, a Varese.
Ecco la sua storia:

Giuseppe Uva e Alberto Biggiogero vengono fermati in stato di ebbrezza verso le 3 di mattina di sabato 14 giugno 2008 da una volante dei carabinieri, mentre spostano alcune transenne bloccando l’accesso a una strada del centro di Varese. Uno dei due carabinieri all’interno della volante riconosce Uva, lo chiama per nome e inizia a inseguirlo mentre questo tenta la fuga. Alberto Biggiogero cerca di correre in aiuto di Uva, richiamato dalle grida di questo, per impedire al carabiniere di colpire l’amico. L’altro carabiniere, che guidava l’auto, lo immobilizza e gli impedisce di intervenire. Poco dopo sopraggiungono due volanti della polizia di stato, Biggiogero verrà spinto a forza in una di queste, Giuseppe Uva verrà invece costretto in quella dei carabinieri. Le tre macchine arrivano nella caserma dei carabinieri verso le 3.30 (i quattro agenti delle due volanti di polizia vengono raggiunti dall’altra volante in servizio quella notte, tutti e sei i poliziotti restano in caserma per le successive due ore fino a quando Uva non verrà trasportato in ospedale, saranno due di loro, tra l’altro, ad accompagnare in ambulanza Uva al pronto soccorso, secondo una procedura del tutto anomala). I due amici vengono separati, Biggiogero resta in una stanza collocata a sinistra dopo il portone d’accesso alla caserma, controllato a vista da poliziotti e carabinieri. Da lì sente chiaramente le urla dell’amico provenienti da un’altra stanza, posta probabilmente sulla destra del corridoio, per un lunghissimo lasso di tempo. Grida ai presenti di smetterla di “massacrare” l’amico e viene minacciato di subire la stessa sorte.

Verso le quattro del mattino, approfittando degli attimi in cui viene lasciato solo, chiama con il proprio cellulare il 118, chiedendo l’intervento di un’ambulanza in caserma perché lì era in corso un massacro. L’operatore del 118 dice che manderà un’ambulanza, dopo due minuti chiama in caserma per accertarsi che ci sia veramente bisogno dell’intervento del mezzo, riferendo di essere stato contattato da un signore che denunciava un pestaggio all’interno della caserma. Il carabiniere che ha risposto al telefono lo fa attendere in linea per verificare, al suo ritorno all’apparecchio dice che si tratta di due ragazzi ubriachi e che ora si sarebbero occupati di toglier loro il telefonino (la trascrizione delle due telefonate è agli atti e disponibile).
Biggiogero fa anche in tempo a chiamare il padre e chiedergli di venirlo a prendere prima che il cellulare gli venga portato via. Biggiogero dichiara, poi, di non aver sentito le sirene dell’ambulanza ma che dopo circa 20 minuti dalla sua telefonata si è presentato in caserma un uomo in impermeabile con una valigetta che viene indicato come “il dottore”. Nel frattempo arriva anche il padre di Biggiogero che riuscirà a portare a casa il figlio e si dice disposto a portare personalmente Uva al pronto soccorso. I carabinieri diranno che non ce n’è bisogno in quanto l’arrivo del medico è sufficiente. Alle 5 del mattino (presumibilmente mezz’ora dopo che Biggiogero e il padre uscivano dalla caserma) una telefonata dei carabinieri alla guardia medica richiede un’ambulanza e dice che alla persona fermata deve essere effettuato un Tso. Uva viene trasferito quindi al pronto soccorso dell’ospedale di Circolo, dove viene richiesto il Tso e così, dopo circa due ore (verso le 8.30 del mattino), Uva viene trasferito nel reparto psichiatrico presso lo stesso ospedale. Due ore dopo viene constatato il decesso per arresto cardiaco.

Dagli esami tossicologici risulta che gli sono stati somministrati dei farmaci, inequivocabilmente e tassativamente controindicati in caso di assunzione di alcol. L’arresto cardiaco è stato provocato da questo “errore”. La testimonianza del Comandate del posto fisso della polizia di stato ubicato presso il pronto soccorso dell’ospedale di Circolo riporta alcune affermazioni estremamente significative.
La prima: si è venuti a conoscenza della morte di Uva in ritardo “pur non trattandosi come si evince dall’allegato referto medico di evento non traumatico” (si legga: è stato un evento traumatico). La seconda: la salma di Uva giaceva “supina e senza abiti, con la parte ossea iniziale del naso in zona frontale, munita di una vistosa ecchimosi rosso-bluastra, così dicasi per la parte relativa del collo sinistro, le cui ecchimosi proseguivano con discontinuità, su tutta la parete dorsale, lesioni di cui non viene fatta menzione nel verbale medico di accettazione”. Il comandante aggiunge: “che non vi è traccia degli slip del de cuius e su chi abbia provveduto alla loro rimozione dal corpo, indumento tra l’altro, neppure consegnato ai parenti (probabilmente perché intrisi di sangue).
E tuttavia non si può sottacere il riscontro obiettivo di pseudo macchie ematiche riscontrate a tergo sui pantaloni poi posti successivamente sotto sequestro unitamente agli altri capi di vestiario con un particolare inquietante riscontrato anche sulle scarpe di stoffa che stanno verosimilmente ad indicare una estenuante difesa ad oltranza dell’uomo effettuata anche con calci”. Ciò è evidenziato dal fatto che “la parte anteriore di entrambe calzature destra e sinistra, si presenta vistosamente consumata”. L’autopsia è stata fatta in maniere platealmente sbrigativa e parziale, senza gli esami radiologici necessari ad accertare fratture e minimizzando o ignorando l’importanza delle lesioni presenti sul suo corpo, in particolare sul dorso e nella regione anale.

Advertisements
  1. 21 marzo 2010 alle 16:28

    arrivare a tanta ferocia, contro un essere umano che non si può difendere oltretutto (o forse proprio per questo)… quali frustrazioni possono scatenare simili comportamenti? la certezza dell’impunità e la mancanza di una legge sulla tortura (anche) non possono essere spiegazioni!

  2. paul83
    21 marzo 2010 alle 19:11

    che persone di merda… e dovrebbero difenderci? o siamo noi che dobiamo difenderci da quei cani?

  3. ciro
    21 marzo 2010 alle 21:27

    deve essere fatta giustizia. è un vero schifo. questo è come lo stato difende i sui cittadini. agli sbirri di merda che hanno ucciso di botte giuseppe bisognerebbe riservargli lo stesso trattamento

  4. mario rossi
    20 ottobre 2011 alle 22:56

    sono un cittadino che crede nell’arma, ma quando si presentano casi del genere sono dell’idea che chi ha sbagliato DEVE pagare senza ombra di dubbio e chi sa si deve sentire in dovere di parlare e denunciare chi ha sbagliato!!! Anche perche’ non dimentichiamo che questi signori sono pagati da Noi, e anziche’ tutelarci si comportano come se fossero una banda ?? Ma se hai delle situazioni da regolare con qualcuno. lo affronti da uomo e non in una caserma chiusa agli occhi di tutti no??? Spero che la coscienza di qualcuno gli faccia capire che sarebbe ora di rendere giustizia a chi non l’ha ancora avuta……nonostante tutto penso che nell’arma dei carabinieri ci sia comunque una buona maggioranza che lavora per il cittadino…….o almeno lo spero…la trasmissione delle iene di ieri sera ha dato veramente una impressione della caserma dei carabinieri di Varese come se fosse un covo di persone frustate e in preda ad una sorta di abuso di potere veramente inqualificabile…..

  5. giuseppe
    21 ottobre 2011 alle 21:44

    e uno schifo assassini in divisa in caserma a varese..che dio li possa punire per un atroce azione massacrativa nei confronti di un lavoratore onesto…avere carabinieri o agenti che sia che rivestono quella divisa giornalmente colpevoli di un omicidio come confermato dalle evidenti foto e una incivilta’ uno sdegno per la nostra societa’ ..vergognoso…un male cosi’ che si possa ripercuotere sui militari colpevoli di una simile azione…neanche le bestie meritano questo…meritate la galera vermi schifosi

  6. Ben
    18 ottobre 2012 alle 01:43

    purtroppo nel mio lavoro mi capita di dovere accettare richieste da parte di carabinieri.se non accetti passi guai.di solito ti mettono la bustina in tasca loro se vogliono fartela pagare.Sono un receptionist d’albergo.
    Ci sono tante mele marce,certi mestieri meglio farli per vocazione

  7. asperger
    12 agosto 2013 alle 18:39

    acab

  1. 3 aprile 2010 alle 20:18
  2. 3 aprile 2010 alle 20:25
  3. 15 dicembre 2011 alle 15:39

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: