Home > ANNI '70 / MEMORIA, Lotta Armata, Personale > A Angelo Basone … che la terra ti sia lieve come soffio

A Angelo Basone … che la terra ti sia lieve come soffio


Angelo è quello a destra, con i polsi chiusi negli schiavettoni

E’ morto ieri il compagno Angelo Basone, comunista, rivoluzionario, ha lavorato come operaio alla Fiat alle Presse di Mirafiori,
eletto delegato dai lavoratori, ha aderito e partecipato alle Brigate Rosse. Arrestato è stato prigioniero politico per molti anni.nelle carceri speciali.
Era immigrato da ragazzo a Torino, come decine di migliaia di altri ragazzi del sud, dalla Sicilia per fornire forza lavoro a basso costo e docile nelle fabbriche capitaliste. Così credevano padroni e preti, ma così non è stato. Angelo, come migliaia, decine di migliaia, centinaia di migliaia di lavoratori come lui hanno costruito un percorso rivoluzionario che, per la prima volta dal secondo dopoguerra, ha posto all’ordine del giorno la costruzione di una società comunista. E ciò ha fatto paura ai padroni. Talmente paura che lo Stato ha dovuto usare la tortura, le carceri speciali, i tribunali speciali e secoli di galera per fermarlo.
Uscito di carcere, Angelo era andato a vivere a Firenze.

CIAO ANGELO,
SANGUE NOSTRO…

Annunci
  1. 8 gennaio 2012 alle 14:10

    Giuliano Ferrara, ai tempi giovane dirigente del PCI torinese, ci provò a farlo rientrare nei (SUOI) ranghi…invano

  2. francesco Giordano
    8 gennaio 2012 alle 17:45

    l’ho conosciuto, compagno retto e determinato, nel carcere di Cuneo….Un abbraccio e che la terra gli sia davvero lieve…..

  3. 8 gennaio 2012 alle 22:01

    Ferrara, nella sua qualità di “commissario” della federazione torinese del pci, cercò pure di farlo dimettere da delegato Fiat in quanto “sospetto brigatista”, ma non ci riuscì: gli operai a quel tempo stavano con Angelo, non certo con Ferrara.
    Un ultimo abbraccio Angelo
    Salvatore

  4. 9 gennaio 2012 alle 16:55

    Io non lo conoscevo ma… ammiro chi non si fa omologare e pensa con la sua testa. Anche idee dissimili dalle mie.

  5. Roberto
    13 gennaio 2012 alle 21:18

    Sono un collega di lavoro di Angelo .Lo conoscevo solo da 5 anni , una persona può condividere o no quello che ha fatto .Personalmente l’ho conosciuto da anziano, molto provato dalle vicessitudini della vita, ma lo ricordero per sempre come un leone.
    Ciao Angelo……. da parte di tutti i tuoi colleghi Toscani che la pensano come tè.

  6. carlo
    18 gennaio 2012 alle 11:33

    Mi scuso se approfitto dello spazio su Angelo (al quale va un caro pensiero) per delle informazioni su un’altra compagna, anch’essa deceduta: Caterina Picasso, affittuaria dell’appartamento in cui soggiornò Riccardo Dura (Genova 1980). Aveva 73 anni quando fu arrestata e 89 quando morì in un ospizio. Condannata a 5 anni e 8 mesi non ha mai spifferato nulla e con la saggezza contadina di chi ha fatto solo le elementari commentò dopo la sentenza di primo grado: “Non ho bisogno di fare grandi discorsi per decidere da che parte stare.Ero brigatista prima ancora di entrare nell’ organizzazione; ho la seconda elementare, quindi i difficili ragionamenti politici non li so fare, ma capire da che parte stare l’ ho sempre saputo”.
    Grazie per l’eventuale aiuto informativo su questa compagna.
    Carlo

  7. 18 gennaio 2012 alle 17:04

    cavolo che bello questo ricordo,grazie Carlo..: se dovessi avere del materiale in più mandamelo che facciamo una bella pagina su di lei!

  8. 18 gennaio 2012 alle 17:10

    Sì, sui giornali la raffiguravano come la nonnina delle Br. C’erano foto di lei che salutava col pugno chiuso.

  9. 3 febbraio 2013 alle 10:00

    “La polizia decise il controllo il 2 ottobre, 3 pantere si avvicinarono al casamento grigio con le persiane azzurre al numero 11 di via Zella. I poliziotti si erano schierati a ventaglio e uno bussò alla porta dell’appartamento d’angolo al piano terra di una palazzina imbiancata di calce. La porta si era appena aperta, trattenuta da una catenella: dentro una signora co i capelli bianchi tenuti a crocchia. “Chi siete cosa volete ?” “Scusi signora ho sbagliato” il poliziotto le aveva voltato le spalle. “Eppure è qui” Bussarono di nuovo e quando la porta s aprì entrarono. L’appartamento due stanze e servizi senza riscaldamento era lindo, ordinato, arredamento sobrio. Ma ordinati nel salotto armi, esplosivi e documenti in originale: la storia del partito armato dai tempi remoti. “Ma lei signora chi è ?” “Mi chiamo Picasso Caterina e sono nata a Bargagli nel 1907”. La portarono in questura e lei si dichiarà “prigioniera politica” In quella casa ci aveva abitato Riccardo Dura che l’aveva affittata anni prima col nome di Sergio Parigi. “Riccardo è sempre stato il più gentile con me. Mi portaav le scatole di cioccolatini e tutte le volte che entrava e usciva di casa mi dava un bacino e diceva che ero la sua nonnina. Questi sono i miei ragazzi gli voglio bene e non immaginate quanto”. Erano loro le bierre a tenerle compagnia insieme a 7 gatti. Condannata a 3 anni in carcere si faceva regalare dalle altre detenute scampoli di stoffa rossa con cui confezionava bandiere che appendeva fuori dalle sbarre. Gli ultimi anni li aveva passati in un ricovero per anziani” (da “Qui Brigate rosse di Vincenzo Tessandori, ed. Baldini & castoldi, pag. 339)

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: