Home > Atene > In Grecia si occupano e autogestiscono gli ospedali pubblici!

In Grecia si occupano e autogestiscono gli ospedali pubblici!


Secondo una dichiarazione (04-02.2012) pubblicata dall’ assemblea generale dei lavoratori dell’ Ospedale Generale di Kilkis, i medici, gli infermieri e dell’ altro personale dichiara che i problemi di lungo corso del Sistema Sanitario Nazionale (ESY) nel paese non possono essere risolti attraverso limitate richieste di risarcimento del servizio sanitario. Pertanto, i lavoratori dell’ Ospedale Generale rispondono al fascismo del Potere occupando questo ospedale pubblico e ponendolo sotto il loro diretto e completo controllo. L’ organo decisionale per le questioni amministrative sarà l’ assemblea generale dei lavoratori.

Sottolineano inoltre che il governo greco non ha assolto ai suoi obblighi finanziari verso l’ ospedale. I lavoratori denunceranno tutte le autorità competenti alla pubblica opinione e, se le loro richieste non saranno soddisfatte, si rivolgeranno ai comuni, alla comunità locale e non, per avere un supporto di qualunque tipo possibile per aiutare i loro sforzi: per salvare l’ ospedale e difendere la sanità pubblica, per rovesciare il governo ed ogni politica neo liberista.

La prossima riunione generale di tutti i dipendenti si terrà nella mattinata del 13 Febbraio. La loro assemblea avrà luogo giornalmente e sarà l’ organo principale per ogni decisione concernente i lavoratori e l’operatività ospedaliera.

I lavoratori chiedono la solidarietà fattiva dei cittadini e dei lavoratori di tutti i settori, per il coinvolgimento dei sindacati e delle organizzazioni progressiste, e per il sostegno dei media dell’ informazione reale. Essi faranno anche una relativa conferenza stampa il 15 Febbraio, alle ore 12.30. Tra gli altri, si invitano i colleghi degli altri ospedali a prendere decisioni appropriate, nonchè i dipendenti del settore pubblico e privato a fare lo stesso.

Tradotto dal sito ContraInfo
PER LEGGERE IL LORO COMUNICATO PER INTERO, TRADOTTO: QUI!
Diverso materiale a riguardo lo potete leggere QUI
E ancora, una riflessione sulla puntata di Santoro, blaterante di crisi in Grecia, scritta dal caro Marconista: LEGGETELA QUI!

Annunci
  1. martino
    7 febbraio 2012 alle 14:04

    kilkis ha 20 mila abitanti, più che un ospedale è un ambulatorio

  2. 7 febbraio 2012 alle 14:32

    anche Ancona o Pisa hanno quel numero di abitanti… quindi?

  3. 7 febbraio 2012 alle 16:06

    🙂 E c’è anche chi brucia bandiere naziste in piazza Syntagma:

    http://www.eilmensile.it/2012/02/07/grecia-scontri-tra-manifestanti-e-polizia-in-piazza-sintagma/

  4. 7 febbraio 2012 alle 23:31

    GRECIA! C’ è chi fa da sè come nell’Ospedale di Kilkis e a piazza Syntagma… Foto e video su http://www.reset-italia.net/2012/02/07/sciopero-grecia-ospedale-kilkis-default-euro/
    ti ho letta ora su FB, tramite un nuovo amico…

  5. Enrico
    8 febbraio 2012 alle 11:14

    Al dilà dei numeri dei cittadini, visto che poi ti chiedono se sai dire solo no o hai alternative, questa mi sembra un tentativo di risposta

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: