Archivio

Posts Tagged ‘United States’

Riscoppia la rabbia a Ferguson, dopo la decisione del Gran Jury

25 novembre 2014 1 commento

Più del 60% della popolazione di Ferguson è afroamericana.
Più del 95% dei componenti della polizia è bianca.
Questo già parla chiaro. Parlano chiaro anche le dichiarazioni e le decisioni del Gran Jury che ha deciso di non procedere nei confronti del poliziotto che ha ucciso Michael Brown, 18 anni, ovviamente nero, “nessuna ragione per procedere”. Nessuna ragione per 12 persone, che -fatalità- sono 9 bianchi e 3 neri.
Nemmeno due giorni fa si è anche provato ad abbassare la media anagrafica e il ragazzo nero ucciso questa volta di anni ne aveva solo 12: giocava in un parco giochi, ma con una pistola giocattolo. Ma le pistole giocattolo sono per i bianchi.
I neri no, se le hanno son sicuramente vere, dopo una raffica di colpi si può andare a controllare.
Obama poi, nemmeno lui ha perso tempo e si è affrettato a dichiarare qualcosa di straordinariamente comico ( un po’ grottesco dalla bocca del primo presidente nero della storia degli States) “Siamo una nazione fondata sul rispetto della legge, accettiamo la decisione del Grand Jury.” Una decisione che non ci ha certo sorpreso, una decisione ovvia e quasi banale.

Il “candido” poliziotto assassino non giudicabile

Che fa vedere su cosa è fondato quel paese: sulla discriminazione tra bianchi e neri, tra classe dirigente e classe sottoproletaria, esclusa, emarginata, di altro colore o religione.

Nell’istante successivo alle parole espresse dal tribunale, migliaia di persone si sono riversate in strada e non solo a Ferguson: la risposta dello stato americano è l’invio di continui rinforzi, la chiusura dello spazio aereo sopra la città, un uso spietato di lacrimogeni, una trentina di arresti già avvenuti in una manciata di minuti, ma anche una solidarietà che non ha latitutidini nel paese: Los Angeles è travolta dalle proteste, a New York son stati chiusi tre ponti e la situazione si scalda a vista d’occhio.
A Ferguson brucia il bruciabile: auto splendenti in bella mostra dentro i concessionari ora sono in fiamme,
così come decine di negozi e quel che si trova davanti la rabbia di una comunità da sempre esclusa, da sempre orgogliosa e unita. D’altronde non vedo perché non si dovrebbe desiderare la distruzione: la distruzione totale, di tutto.
A Ferguson questo verdetto da tutti immaginato ha riportato in strada la rabbia senza scelta,
la rabbia davanti agli opliti che marciano e sparano, arrestano e vola sulle teste di una comunità che può aspirare al loro piombo e alla loro emarginazione, ma che desidera riscatto almeno per il sangue dei suoi figli uccisi senza alcun motivo.

La giornata americana sarà lunghissima, proviamo ad aggiornarci tra un po’…

Leggi anche: ucciso a 12 anni in un parco giochiDal guardian, un articolo interessante: QUI

 

Annunci

Waterboarding contro bimba di 4 anni

9 febbraio 2010 1 commento

Creati a tavolino.
Creati in laboratori specializzati. Creati con fior fior di quattrini, con un’intera industria dietro che li cresce, li alimenta, li addestra.
Li prende dalla strada e li fa diventare qualcuno: li prende dalla strada e gli mette una divisa sulla pelle.
Li prende dalla strada e li fa sentire potenti, li fa sentire forti, li fa pensare padroni della vita altrui.
L’esercito americano nemmeno se li sceglie troppo i suoi aguzzini: prende nel mucchio, prende nella disperazione e nell’emarginazione.
Non gli interessa “scegliere” i suoi uomini, perchè tanto li trasforma in macchine, in automi in divisa incapaci di prendere una decisione propria,
automi che si muovono a comando, che imparano una parte e a quanto pare non sanno più uscirne.
E’ il caso della “merda del giorno”, di cui una volta tanto abbiamo un nome e un cognome.
Si chiama Joshua Tabor, il ceffo di cui parliamo oggi: basteranno poche righe per capire. Mi limiterò a raccontare il fatto, non serve assolutamente metterci parola sopra, basta vedere quel che ha fatto, basta sentire le sue dihiarazioni.
Questo soldato dell’esercito americano è stato arrestato per la strada, a Tacoma, nello stato di Washington mentre minacciava, indossando un elmetto, di rompere le finestre di alcune abitazioni.
Sembrava semplicemente un soldato impazzito: pare succeda spesso a questi assassini quando tornano nella loro terra fatta di sobborghi maleodoranti e della stessa emarginazione sociale che avevano lasciato prima di entrare nel grande esercito con le stelle e le strisce.
Se la sua colpa fosse stata solamente quella di minacciare dei vetri non ne parleremmo: invece dopo l’arresto gli agenti gli hanno perquisito casa.
C’era la fidanzata di Joshua e la loro bambina, di soli 4 anni. Aveva diversi lividi su collo e schiena: “me li ha fatti papà”.
Poco dopo è arrivata la confessione (la democratica polizia americana avrà usato gli stessi metodi?): la merda, il signor soldato Joshua Tabor ha sottoposto la sua bambina al “waterboarding”, tecnica di tortura di cui molto spesso abbiamo parlato in questo blog.
E’ l’annegamento simulato, che si fa legando una persona su un tavolaccio a pancia all’aria, con la testa penzoloni fuori: un tubo in bocca, qualche pacco di sale, tanta pressione dell’acqua … e vi lascio immaginare.
Una delle peggiori torture (usata in questo paese, in Italia, nel 1982 contro i militanti delle organizzazioni armate)  su una bambina di 4 anni. 
“Non voleva imparare l’alfabeto: ho scelto il waterboarding proprio perchè mia figlia è terrorizzata dall’acqua”.

Un mostro creato a tavolino, addestrato, alimentato, cresciuto e coccolato nel “miglior esercito del mondo”!
Lunga vita agli stati uniti d’america.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: