Archivio

Posts Tagged ‘Stati Uniti’

Waterboarding contro bimba di 4 anni

9 febbraio 2010 1 commento

Creati a tavolino.
Creati in laboratori specializzati. Creati con fior fior di quattrini, con un’intera industria dietro che li cresce, li alimenta, li addestra.
Li prende dalla strada e li fa diventare qualcuno: li prende dalla strada e gli mette una divisa sulla pelle.
Li prende dalla strada e li fa sentire potenti, li fa sentire forti, li fa pensare padroni della vita altrui.
L’esercito americano nemmeno se li sceglie troppo i suoi aguzzini: prende nel mucchio, prende nella disperazione e nell’emarginazione.
Non gli interessa “scegliere” i suoi uomini, perchè tanto li trasforma in macchine, in automi in divisa incapaci di prendere una decisione propria,
automi che si muovono a comando, che imparano una parte e a quanto pare non sanno più uscirne.
E’ il caso della “merda del giorno”, di cui una volta tanto abbiamo un nome e un cognome.
Si chiama Joshua Tabor, il ceffo di cui parliamo oggi: basteranno poche righe per capire. Mi limiterò a raccontare il fatto, non serve assolutamente metterci parola sopra, basta vedere quel che ha fatto, basta sentire le sue dihiarazioni.
Questo soldato dell’esercito americano è stato arrestato per la strada, a Tacoma, nello stato di Washington mentre minacciava, indossando un elmetto, di rompere le finestre di alcune abitazioni.
Sembrava semplicemente un soldato impazzito: pare succeda spesso a questi assassini quando tornano nella loro terra fatta di sobborghi maleodoranti e della stessa emarginazione sociale che avevano lasciato prima di entrare nel grande esercito con le stelle e le strisce.
Se la sua colpa fosse stata solamente quella di minacciare dei vetri non ne parleremmo: invece dopo l’arresto gli agenti gli hanno perquisito casa.
C’era la fidanzata di Joshua e la loro bambina, di soli 4 anni. Aveva diversi lividi su collo e schiena: “me li ha fatti papà”.
Poco dopo è arrivata la confessione (la democratica polizia americana avrà usato gli stessi metodi?): la merda, il signor soldato Joshua Tabor ha sottoposto la sua bambina al “waterboarding”, tecnica di tortura di cui molto spesso abbiamo parlato in questo blog.
E’ l’annegamento simulato, che si fa legando una persona su un tavolaccio a pancia all’aria, con la testa penzoloni fuori: un tubo in bocca, qualche pacco di sale, tanta pressione dell’acqua … e vi lascio immaginare.
Una delle peggiori torture (usata in questo paese, in Italia, nel 1982 contro i militanti delle organizzazioni armate)  su una bambina di 4 anni. 
“Non voleva imparare l’alfabeto: ho scelto il waterboarding proprio perchè mia figlia è terrorizzata dall’acqua”.

Un mostro creato a tavolino, addestrato, alimentato, cresciuto e coccolato nel “miglior esercito del mondo”!
Lunga vita agli stati uniti d’america.

 

 

E’ caduto il muro??? A me ne sembrano nati così tanti!!

9 novembre 2009 3 commenti

Ancora ci vengono a raccontare che il muro è caduto, che vent’anni fa siamo diventati più liberi.
Non è caduto un bel niente, non è caduto un bel niente.
La “cultura” dei muri è all’apice della sua storia … ne vengono alzati di continui, anche su territori in cui sembrerebbe impossibile.
Il muro più alto ora, per noi europei, è eretto al centro del nostro mare, la culla liquida della nostra storia,
oggi cimitero di popoli pieni di speranza, con il futuro nello sguardo e nulla nelle mani.

muro2
1 Torre di osservazione munita di radar e ospitante soldati muniti di equipaggiamento per la visione notturna. 
2 Telecamera a infrarossi; completata da una sorveglianza video costante da palloni frenati e aerei senza pilota. Tutte le informazioni sono inviate in tempo reale verso un posto di comando. 
3 Rotoli di filo spinato affilato («razor wire») di 1 metro e 80 di altezza. 
4 Strada asfaltata per i movimenti delle truppe. Fra la strada e il filo spinato, una pista di sabbia permette di conservare le tracce di chiunque tenti di avvicinarsi. 
5 Recinzione metallica alta 3 metri, munita di sensori.
6 Lungo le sezioni considerate da Israele come « ad alto rischio », la recinzione è rimpiazzata da un muro di cemento alto 8 metri.
7 Strada per i veicoli di pattuglia. 
8 Fossato profondo due metri per impedire il passaggio dei veicoli palestinesi.
9 Rotoli di filo spinato affilato e sensori al suolo per individuare ogni movimento prima che venga raggiunta la recinzione.
 Il muro tra Messico e Stati Uniti Il muro tra Messico e Stati Uniti che miete decine di vittime tra coloro che provano ad attraversarlo: è una delle frontiere più lunghe del mondo

 

mauritania_marocco

Tra Marocco e Mauritania: campi minati per km a definire un altro confine illegale

 

sadrcity

Il muro di Sadr City, zona sciita di Baghdad

Altro confine marocchino: questa volta a Ceuta, con la Spagna Questo è il muro di Ceuta, che divide il Marocco dalla Spagna

Purtroppo potrei continuare, continuare a metter foto di altri muri: quelli che esistevano prima del muro di Berlino, come la cortina che divide le due Coree..poi quelli asiatici che cercano di separare i pesanti confitti tra India e Pakistan o nelle zone calde come il Rajastan:
Insomma di muri ce ne sono troppi per poter parlare e far demagogia sull’unico che è caduto.
Poca retorica, poche parole, non mi va fondamentalmente di affrontare alcun discorso su Berlino e la cortina di ferro, non ho voglia di parlare delle polemiche uscite sui giornali di sinistra negli ultimi mesi tra chi (di nostalgici stalinisti ce ne son sempre troppi, purtroppo) ha nostalgia di quel cemento.
Io sono contro i muri, sono contro le frontiere, sono contro i confini, sono contro la segregazione dei popoli regolata da questo cemento..
Un cemento di controllo e repressione, di colonizzazione e imperialismo, di sfruttamento e privazione delle risorse della propria terra.
Il cemento è cemento, ogni volta che si sbriciola è una vittoria per i popoli in lotta, per chi crede nella libertà, 
per chi lotta per l’autodeterminazione!

 

Le U.N. indagano sui centri di detenzione della C.I.A.

11 marzo 2009 Lascia un commento

Le nazioni unite, attraverso il lavoro due relatori speciali,  hanno aperto un’inchiesta sui centro di detenzione nel mondo, con l’attenzione rivolta soprattutto verso quelli gestiti dalla Agenzia d’Intelligence più famosa del mondo, la C.I.A.

Celle esterne ad Abu Ghraib

Celle esterne ad Abu Ghraib

Martedì è stato annunciato che l’inchiesta metterà sotto esame i voli di “traduzione” segreti verso paesi terzi di diversi sospettatati per reati di terrorismo internazionale, portati sotto interrogatorio illegalmente e sistematicamente vittime di torture.

Al-Jazeera riporta le dichiarazioni di Manfred Nowak, relatore speciale delle Nazioni Unite che si occupa di torture: “ Abbiamo chiesto a tutti I governi di cooperare, non solo per avere chiarire I fatti, ma anche per garantire che questo tipo di centri segreti di detenzione non verranno più usati in futuro”. Sotto la presidenza George W. Bush, con l’allarme terrorismo scattato dopo gli attentati dell’11 settembre 2001,  si è avuta conferma che la Convenzione Internazionale dei Diritti dell’Uomo è diventata carta straccia, con l’uso di questi centri di detenzione (soprattutto in Medioriente, Asia ed Africa) e le direttive interne sull’uso della tortura
Barack Obama, neoeletto presidente statunitense ha dichiarato chiusa l’epoca delle detenzioni facili compiute dalla Cia e la controversa prigione Americana di Guantanamo, in territorio cubano.
Parallelamente alla notizia di questa nuova indagine delle Nazioni Unite, è arrivata la notizia di una frettolosa chiusura di due prigioni segrete (sempre gestite dalla CIA) in Polonia e Romania, e dell’immediato trasferimento delle persone ristrette al loro interno, dopo pesanti rivelazioni di Human Rights Watch

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: