Archivio

Archive for 23 ottobre 2011

NOTAV: prima rete che va giù, da tutti i sentieri si circonda il cantiere fantasma

23 ottobre 2011 1 commento

Una giornata in Val Susa che sta procedendo meravigliosa.
Più di diecimila le persone che son partite dal campo sportivo di Giaglione, luogo dove si sono ridicolmente impantanate tutte le dirette delle maggiori testate giornalistiche che hanno un sito internet (LaRepubblica, LaStampa hanno battuto tutti!).
La militarizzazione notturna ha creato non pochi disagi a tutti coloro che hanno tentato di raggiungere la Valle con i propri mezzi: i posti di blocco erano ad ogni uscita autostradale e in ogni statale: sono stati fermati e perquisiti più di 400 automobilisti e molti hanno avuto non pochi problemi anche nel possedere una sciarpa.
Mi immagino se salivo io in corteo in Val Susa, freddolosa come sono, a 6 gradi tra i boschi piemontesi, con le mie sombianze di Totò a Milano avrei rischiato un ergastolo probabilmente visto la nascita di tutti questi nuovi reati: un vero e proprio dramma per tutti i freddolosi del pianeta!
Il corteo alla faccia loro è immenso: è partito per il sentiero e poi s’è diviso in due tronconi.
Mentre uno spezzone avanzava verso la prima rete, un altro enorme gruppo risaliva per un altro sassoso sentiero: le donne NOTAV hanno preso le cesoie e sbeeeem, la prima rete va giù, lo striscione passa.
Tutto il corteo scavalla e prosegue, mentre la polizia arretra e rimane ad osservare.
A questo punto l’obiettivo da raggiungere è come sempre la baita Clarea: dalla rete tagliata, dal fiume non molto pieno (la natura è notav, oggi è stato palese) , dal ponticello che la Digos minacciava esser invalicabile, dal sentiero dei monaci…
la polizia, i carabinieri, i finanzieri, gli alpini, i cosi di sardegna e di calabria: tutto sto ridicolo marasma bellico è accerchiato da diecimila persone…e anche da due camosci..

ALLE 14 LA BAITA E’ TORNATA AL SUO SPENDORE: STRACOLMA DI GENTE FESTOSA…
Io aggiorno costantemente sulla mia pagina Twitter @baruda
Seguite INFOAUT

Annunci

Un comunicato da Syntagma sul “partito comunista”

23 ottobre 2011 1 commento

Dopo Varkiza [1], il Politecnico [2], la Scuola di Chimica (1979) [3] il dicembre 2008 [4] e una serie di altri casi, la realtà ancora una volta rivela il ruolo del Partito che tradisce sistematicamente le lotte popolari. E se fino ad ora hanno strangolato, con le loro cariche politiche ogni sciopero generalizzato e determinato in tutti questi anni, se hanno insultato tutte le rivolte come una “provocazione”, d’ora in poi la storia dimostra che non sono “semplici errori politici”, ma una posizione consapevole e coordinata per difendere la dittatura parlamentare e dei rapporti capitalistici finanziari e sociali.
Questo è quello che hanno fatto ieri (20/10), troppo, anche se fino a quel punto hanno chiamato il popolo alle manifestazioni per il rovesciamento del governo. Invece di proteggere chi circondava il parlamento ne hanno protetto il regolare funzionamento, hanno agito ancor più barbaramente della polizia, spaccando le teste e consegnando  manifestanti alle forze della repressione. La cosa peggiore che hanno fatto è stato di legittimare lo Stato, che ha ucciso uno dei loro compagni, accusando dell’omicidio una certa violenza parastatale.
Da ieri, in modo definitivo e irreversibile, il cosiddetto “Partito Comunista” non è altro che una barriera contro il tentativo di seppellire il cadavere parlamentare. Qualsiasi essere umano libero che lotta per la propria dignità in questi giorni cruciali deve individuarlo politicamente come un bersaglio. Questa frase non deve essere letta come una scissione nel movimento. Potremmo avere problemi comuni e obiettivi comuni con gli elettori del “Partito Comunista”, ma la politica e la pratica della leadership  dalle cui labbra pendono segue gli ordini del governo e degli inviati del FMI e UE della BCE. Non abbiamo mai marciato fianco a fianco con loro, non saranno mai con noi. Dobbiamo tutti tenere presente che il “Partito Comunista” agirà come una quinta colonna del regime dittatoriale, sperando ancora una volta di afferrare qualche briciola dal tavolo parlamentare, proprio come ha fatto nel 1990 [5].

La posizione di tutti i gruppi politici, siano essi parlamentari o non, che ha sostenuto gli atti del “Partito Comunista”, sia indirettamente che con il loro silenzio, o direttamente con le loro dichiarazioni, è altrettanto condannabile. Fino a quando questi partiti rimangono all’interno di un parlamento composto di destinatari degli ordini della Troika e continuano a ricevere i loro stipendi grassi, sono interamente corresponsabili di quello che è successo finora e di quello che verrà. Il loro voto negativo al memorandum e le leggi votate insieme rivelano con precisione il loro ruolo nella dittatura: fornendo l’alibi della democrazia e della pluralità delle voci, sostengono  completamente il parlamento di rappresentanti, in modo che il popolo impoverito continui a contare i voti in ogni seduta fissa  e predeterminata di voto delle leggi che cancellano il suo futuro – e al tempo stesso, sono alimentati con l’illusione che qualcuno parli in loro nome e nel loro interesse. Così, lasciano l’opposizione ai professionisti della politica, e non sentono il bisogno di reagire immediatamente e di persona. Qualsiasi voto, anche per i partiti extraparlamentari di “estrema sinistra” alle elezioni nazionali e locali non è altro che olio negli ingranaggi [della macchina] e una legittimazione della “correttezza” della dittatura parlamentare.

Dal 25 maggio, quando ci siamo radunati in piazza, abbiamo rivelato che la democrazia diretta è la capacità di ciascuno di noi di partecipare, di consultarci l’un l’altro, di modellare le idee insieme in modo autonomo, lontano dalle etichette ideologiche o parlamentari. Resteremo qui, contro il loro parlamentarismo e la loro burocrazia fallimentari.

Stiamo prendendo NOSTRA VITA nelle nostre mani

DEMOCRAZIA DIRETTA ORA

Assemblea popolare di piazza Syntagma, 21/10/2011

1. Riferimento al trattato del 1945 di Varkiza, dove il Partito Comunista ha tradito la lotta armata e migliaia di combattenti della guerra civile in cambio della sua legalità nel nuovo regime
2. Riferimento alla posizione originale del Partito comunista contro la rivolta del Politecnico del 1973, che determinò l’inizio del crollo della giunta fascista. Allora definì gli studenti, molti dei quali furono uccisi, “provocatori della polizia”
3. Riferimento agli incidenti del 1979 presso la Scuola Chimica di Atene, dove i membri del Partito comunista hanno spezzato l’occupazione della scuola, collaborando direttamente con la polizia
4. Un riferimento, ovviamente, alla più recente condanna della rivolta del dicembre 2008
5. Riferimento all’accordo del Partito comunista due principali partiti parlamentari, ND e PASOK, nel 1990

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: