Home > BLOG, MIDDLE-EAST, Siria > Il regime spezza le mani ai vignettisti … un macabro déjà vu

Il regime spezza le mani ai vignettisti … un macabro déjà vu


Una vignetta di Ferzat

E’ (fortunatamente non dobbiamo parlare al passato) un vignettista molto famoso, un 61enne dotato di mani d’oro e intelligenza fine …

Ed ecco le sue mani e il suo volto, dopo il pestaggio

Ali Ferzat, questo il suo nome, è nato nella città di Hama in Siria  (che passa alla storia per il massacro del 1982 e poi quello dei primi giorni del Ramadan di quest’anno) ed ha una lunga storia da caricaturista politico, espulso dal partito Baath qualche decennio fa.  Una matita che non ha mai smesso di esser arma: il primo periodico indipendente (al-Domari) della storia della siria baathista, da lui fondato, è riuscito a sopravvivere meno di tre anni … chiuso con la forza nel 2003, sotto l’attuale presidente.

Ieri, dalla piazza della Moschea Omayyade di Damasco è stato catturato da alcuni uomini armati.
Oggi, come un Victor Jara mediorientale, è stato ritrovato: il suo corpo pestato a sangue è stato lanciato da una macchina in corsa, sull’autostrada che unisce Damasco al suo aereoporto (una trentina di km d’asfalto che tagliano l’oasi della Ghuta).
Ha il cranio fratturato e le braccia rotto: l’accanimento sulle sue mani e le sue braccia rivela senza troppi giri di parole le intenzioni dei suoi picchiatori.
Almeno è vivo … e presto le sue mani saranno di nuovo in grado di schiaffeggiare il regime.

Questa è la Siria di Bashar, quella che qualcuno crede baluardo antimperialista e antisionista…

Il suo sito continua ad essere oscurato.

_GUARDA LA VIGNETTA di Ferzat poche ore dopo il suo arrivo in ospedale_

Annunci
  1. 25 agosto 2011 alle 17:10

    Un ideale non si può spezzare: sarà sempre baluardo di giustizia e verità. La vera forza è in chi combatte col proprio lavoro fatto con le propria mente, il proprio cuore, le proprie mani. Resistere sempre!

  2. 25 agosto 2011 alle 21:30

    Carissima Valentina, ti segnalo quest’altra notizia dalla Siria:

    http://www.amnesty.it/siria-giornalista-rischia-tortura

  3. aldo rotolo
    29 agosto 2011 alle 12:39

    e come scrivevo su FB venerdì scorso appena saputa la notizia del suo pestaggio… e sopratutto rivogliamo Alì sano e acuto come prima e come sempre! auguri di rapida e completa guarigione e …di buon lavoro!

  1. 26 agosto 2011 alle 20:28
  2. 27 agosto 2011 alle 09:37
  3. 27 agosto 2011 alle 12:00
  4. 27 agosto 2011 alle 21:19
  5. 28 agosto 2011 alle 04:05

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: