Home > ACAB, CARCERE, letteratura/citazioni, Morire in carcere > Erri de Luca risponde a Giovanardi sulla morte di Stefano Cucchi

Erri de Luca risponde a Giovanardi sulla morte di Stefano Cucchi


Caravaggio, La flagellazione di Cristo«Stefano Cucchi era in carcere perché era uno spacciatore abituale. Poveretto, è morto, e la verità verrà fuori, soprattutto perchè pesava 42 chili. La droga ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente… E poi il fatto che in cinque giorni sia peggiorato… Certo, bisogna vedere come i medici l’hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così»
Carlo Giovanardi, Sottosegretario con delega per la lotta alla droga, “co-ideatore” della legge Fini-Giovanardi.
Senza la quale Stefano Cucchi sarebbe ancora vivo.

Erri de Luca, su Liberazione, risponde alla sua insopportabile dichiarazione con queste righe. Magistrali, come sempre

Il potere dichiara che il giovane arrestato di nome Gesù figlio di Giuseppe è morto perché aveva le mani bucate e i piedi pure, considerato che faceva il falegname e maneggiando chiodi si procurava spesso degli incidenti sul lavoro. Perché parlava in pubblico e per vizio si dissetava con l´aceto, perché perdeva al gioco e i suoi vestiti finivano divisi tra i vincenti a fine di partita. I colpi riportati sopra il corpo non dipendono da flagellazioni, ma da caduta riportata mentre saliva il monte Golgota appesantito da attrezzatura non idonea e la ferita al petto non proviene da lancia in dotazione alla gendarmeria, ma da tentativo di suicidio, che infine il detenuto è deceduto perché ostinatamente aveva smesso di respirare malgrado l’ambiente ben ventilato. Più morte naturale di così toccherà solo a tal Stefano Cucchi quasi coetaneo del su menzionato.

Di Erri De Luca:
Su Sonja e Christian, estradati in Germania
Sulla morte di Stefano Cucchi
In te milioni di volte mi sono ingrandito
Esser vendicati da una donna
San Paolo e l’attacco al cuore dello Stato
Ballata per una prigioniera
Mediterraneo, cimitero liquido
Emergenza e devozione
‘na dissenteria de bombe
cambierà nome pure l’universo

Sulla tortura: QUI
Sul carcere a vita: QUI
Sul 41bis: QUI

Annunci
  1. Mauro Sessarego
    17 dicembre 2012 alle 18:42

    Vorrei essere denunciato. Grazie.

  2. ledya
    2 febbraio 2013 alle 10:02

    Non è più possibile andare avanti così. Ogniuno si deve prendere le proprie responsabilità! Sopratutto su fatti così gravi!!! Ma porca miseria! Dove si è perso l’animo umano?! Dove è finita la compassione? Perchè prevale così spesso il lato atroce dell’Uomo?
    30 e passa anni per dire finalmente ufficialmente che è stato un missile a buttare giù il DC9 ad Ustica…. ce ne vorranno altri 30 forse per sapere chi ha lanciato quel missile, perchè e per l’assunzione di responsabilità! Ma non ci rendiamo conto che strada stiamo percorrendo, dove stiamo andando a finire?!

  3. sonia verzegnassi
    3 febbraio 2013 alle 11:34

    grazie Erri!

  4. RAEL
    3 febbraio 2013 alle 12:48

    Al di là del discorso umano e della compassione, la morte di Cucchi si tratta di una semplice, fredda razionale e asettica questione di diritto. E’ contrario alle leggi e alla Costituzione che un detenuto, che sia riconosciuto colpevole o in attesa di giudizio, che sia un drogatello o un efferato serial killer, venga massacrato di botte dalle guardie carcerarie o lasciato morire di stenti in ospedale. In una struttura pubblica, nelle mani dello Stato, queste cose non devono accadere, indipendentemente da chi ci vada di mezzo. E badate che non si tratta di una mia opinione ma di un dato di fatto oggettivo ed incontrovertibile.

  5. 3 febbraio 2013 alle 13:04

    … è omicidio di stato … magari incidente … colposo … ma omicidio … come tanti altri che passano in un po di indignazione e molta indifferenza … c’è una lista enorme di casi simili allucinante … basta digitare Omicidi di Stato su un motore di ricerca … Google o qualsiasi altro … ne esce un quadro da brividi … robe preistoriche da ignoranza, bigottismo indottrinato dal clero e inciviltà per mancanza di rispetto della Vita e dell’Umanità … da parte di chi poi? da parte di chi dovrebbe essere al servizio della giustizia … ma quale giustizia? quella di cervelli lessi in divisa a cui certe leggi repressive e stupide inculcano una cultura sbagliata e iniqua

  6. paolo casali
    3 febbraio 2013 alle 18:49

    Già, vecchia storia che si ripete. Ci ammazzano, ma lo fanno per il nostro bene! E comunque è nostra la colpa. Io sono di Modena e spero mi crediate , di così cattivi e meschini ne abbiamo pochi.

  7. 3 febbraio 2013 alle 19:08

    cucchi è il termometro di una situazione. Un assaggio, un piccolo sintomo di quella che è la situazione per gli altri, quelli che non hanno una famiglia “perbene” che fa delle domande, che chiede di riaprire delle indagini supplementari, che spende soldi in avvocati e fa riaprire, di malavoglia, un fascicolo affrettatamente chiuso.

  8. Raimondo Di Maio
    4 febbraio 2013 alle 08:56

    fa paura che Carlo Giovanardi, Sottosegretario con delega per la lotta alla droga, “co-ideatore” della legge Fini-Giovanardi, che invece di chiedersi cosa è realmente accaduto e interrogarsi sul suo operato (e sul suo reddito-metro) parli così.

  9. 4 febbraio 2013 alle 21:18

    Grazie Erri De Luca

  10. Axel
    5 febbraio 2013 alle 03:12

    Han messo uno a fare una legge sulle droghe che di droghe non ci capisce un cazzo. Uno che va in giro a dire che le droghe sono tutte uguali è pericoloso più della droga stessa.
    Ma pensa te se un 14 enne sente dire da un ministro che l’erba la cocaina e l’eroina sono uguali … La forza di questa gente purtroppo sono le masse ignoranti che gli danno credito. In un paese Evoluto e Civile uno così sarebbe dovuto scappare il giorno dopo a tale dichiarazione.

  11. marina
    5 febbraio 2013 alle 08:28

    Il viso emaciato e contuso di Stefano rimarra’ nei nostri pensieri per sempre. Purtroppo e’ la solita storia di chi condanna e uccide invece di capire e aiutare.

  12. Luigi
    5 febbraio 2013 alle 14:04

    Su Giovanardi: Coloro che gli Dei vogliono perdere per prima cosa gli accecano

  13. vincenzo
    5 giugno 2013 alle 19:12

    Giovanardi è un emerito ignorante in materia di droghe e un imperdonabile mistificatore della realtà,come buona parte se nn tutti delle persone che compongono il partito PDL,tt venduti e opportunisti,gente di malaffare con i colletti bianchi.Che Gesù accolga Stefano e faccia giustizia di tanti come Giovanardi che cm Giuda l’ho vendette x 4 monete.

  14. 5 giugno 2013 alle 23:04

    meravigliosa

  15. Marco
    5 giugno 2013 alle 23:20

    Magari meglio “LI accecano”, Luigi….

  16. giuseppearagno
    5 giugno 2013 alle 23:42

    Una risposta eccezionale. Non tutti gli uomini, temo, hanno coscienza. Grazie Erri.

  17. 6 giugno 2013 alle 06:44

    Chissa xchè tutti i politici corrotti e che fanno abitualmente uso di droga nn muoiono !certo un povero Cristo come Cucchi può….deve…morire in un sistema sporco e corrotto !!MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANA!!!

  18. Lowhand
    6 giugno 2013 alle 09:28

    Ma scusate le sentenze vanno bene solo quando sono di condanna? Allora fatevi un bel tribunale del popolo….
    Però quando condannano dei no global per devastazione non va più bene, vero?

  19. Daniela aristolao
    6 giugno 2013 alle 10:26

    C’è da considerate anche un’ulteriore possibilità: potrebbe essere morto di freddo, dal momento che era coperto poco.

  20. 6 giugno 2013 alle 11:23

    Lowhand. Di no global condannati non mi ricordo. Ricordo però di un giornalista inglese finito nella scuola sbagliata, ridotto in coma dalle forze di polizia con i colpevoli tra le forze dell’ordine non identificati. Risarcito con 4mila euro dallo stato per calunnia da parte degli stessi agenti che dissero di non avergli fatto nulla.

  21. Mimmo
    6 giugno 2013 alle 11:31

    C’è stata un’indagine, un processo, delle perizie che si sono contraddette come sempre avviene e alla fine una sentenza di condanna e di assoluzione, ma questo non conta niente, conta solo ciò che vorremmo che avvenga sempre e cioè una giustizia a senso unico, con condanne predefinite.

  22. charlie
    6 giugno 2013 alle 13:53

    che parli Giovanardi della vita umana è uno schifo.

  23. Lino Fazio
    6 giugno 2013 alle 15:42

    Penso che nemmeno lo stesso Giovanardi creda in quello che dice, tanto sono enormi le cattiverie che riesce a vomitare non appena apre bocca. È un uomo cattivo nell’animo, un Brunetta versione maxi.

  24. alo
    6 giugno 2013 alle 16:03

    giovanardi sarebbe il primo a martellare i chiodi per verificare che siano ben saldi alla croce… la chiamano carità.

  25. Martin
    6 giugno 2013 alle 22:06

    Commenti come quelli di giovanardi sono come mattoni lanciati addosso, perché dette da un cattolico! Chissà se i suoi figli ( se sa cosa sono) si fumassero una canna o peggio…! Le affermazioni sarebbero le stesse?
    Neanche il papa si è espresso cosi, anzi stava in mezzo a loro va da coloro che hanno difficoltà!
    La droga è maledetta, ma non infierire sulla morte e sulla sofferenza della famiglia!!!

  26. Pancrazio
    6 giugno 2013 alle 22:22

    Ma dal punto di vista legale , se io per esempio fossi un questore o un politico e andassi in un ospedale e ordinassi , facendo pressione sui medici ,di non curare un determinato malato , e se da questa mia pressione facilitata dalla mia carica derivasse la morte del malato , avrei responsabilità oppure andrei tranquillo ?
    Pensavo ad una pressione del tipo :” Guarda se lo curi col cavolo che ti rinnoviamo il contratto ” . Il mio obbiettivo sarebbe quello di farlo 2-3 volte nello stesso ospedale di modo che dopo un pò di volte i medici che non seguono i miei consigli essendo licenziati o trasferiti forse non avrei nemmeno più bisogno di dire la frase magica e forse me la caverei con solo uno sguardo

  27. Lella
    7 giugno 2013 alle 15:01

    L’ha ribloggato su arcilellae ha commentato:
    Che uomo!

  28. 8 giugno 2013 alle 14:40

    paolo casali :
    Già, vecchia storia che si ripete. Ci ammazzano, ma lo fanno per il nostro bene! E comunque è nostra la colpa. Io sono di Modena e spero mi crediate , di così cattivi e meschini ne abbiamo pochi.

  29. 8 giugno 2013 alle 14:46

    Condivido,ma uno di questi pochi è sicuramente Giovanardi (che da solo reca danno per mille).Se ti capita di incontrarlo “in vasca” chiedigli come mai non viene giù “nella bassa” a vedere i risultati di quel terremoto che secondo lui non sarebbe mai e poi mai potuto accadere.
    Quello stronzo!!

  30. ste
    8 giugno 2013 alle 21:44

    NON CREDO CAPIRA’ GIOVANARDI. MICA CI ARRIVA! Grazie Erri una grande replica!!!

  31. Giovanna Possati jankovits
    8 giugno 2013 alle 23:26

    Giovanardi purtroppo non lo capirà d Luca grazie sempre per i suoi scritti

  32. Riccardo
    6 ottobre 2014 alle 12:14

    Bravo Sg. De Luca, ma perché non ti esprimi allo stesso modo sulle minchiate sparate dal tuo Bibi a proposito dei Palestinesi? Tu a me non piaci perché tieni la lingua biforcuta…bye

  33. 6 ottobre 2014 alle 12:27

    E io la penso come te Riccardo

  34. Maurizio C.
    2 novembre 2014 alle 17:12

    Giovanardi purtroppo non lo leggerà e se lo leggesse non sarebbe moralmente in grado di capire. Grazie Erri.

  35. ste cam
    2 novembre 2014 alle 23:43

    .. ma come fa uno come giovanardi a ricoprire una carica istituzionale ? .. come è possibile che sia li ?!!

  36. Bruno D.
    3 novembre 2014 alle 00:32

    GRAZIE ERRI

  37. Anna
    3 novembre 2014 alle 08:12

    Grazie Erri grazie di cuore,io non avrei potuto trovare parole migliori,sono ammutolita a quelle dichiarazioni…..

  38. ctholla
    3 novembre 2014 alle 13:09

    il problema è che la legge non può affermare che nessuno è colpevole….se un ragazzo muore disitratato in un ospedale lo stato deve dire di chi è la colpa e se non ce la fa allora vuol dire che la legge non funziona , lo stato non funziona ! E se lo stato non funziona allora siamo tutti autorizzati a difenderci da soli….questa Italia ricorda troppo Gotham city!

  39. ivana
    3 novembre 2014 alle 20:30

    Pietà per Stefano Cucchi la cui sola colpa è stata quella di scendere negli abissi infernali della droga e schifo per tutti coloro che per il solo fatto di vestire una divisa rimangono immuni da ogni colpa.
    Che la coscienza gli rimorda vita natural durante.

  40. Siamo obbiettivi
    3 novembre 2014 alle 23:01

    Mah, che Giovanardi sia un emerito imbecille e’ risaputo. Pero’ ha ragione quando diche che sto povero cristo era anoressico e pure tossico, con un fisico debilitato da anni di eccessi.. ma cazzo paragonarlo a gesu cristo mi sembra esagerato..

  41. Obiettivo
    5 novembre 2014 alle 10:20

    Che su Stefano Cucchi ci siano stati abusi è evidente, ma da qui a santificare la droga come si evince in alcuni commenti è aberrante, propongo a tutti Voi prima di fare gli esperti non di leggere i rapporti scritti sugli effetti di qualsiasi droga, ma di andarli a vedere e tastare, andate in qualche comunità di recupero, parlate con chi ci sta combattendo, con chi ne è uscito e con chi da l’anima a queste persone per rialzarsi, penso che i vostri rapporti sulle sostanze o li brucereste o li scarichereste nel water e .. solo li si può iniziare a capire, che la droga è uno schifo e basta qualsiasi essa sia. punto. Perchè che lo si ammetta o no, Cucchi l’incontro con la morte purtroppo lo ha avuto per mezzo della droga, senza di essa in quella situazione non ci ci sarebbe trovato

  42. 5 novembre 2014 alle 14:52

    grandissimo il De Luca…il problema sarà capire quest’ironia altissima…

  43. mauro
    6 novembre 2014 alle 18:10

    ciao obiettivo credo sia errato ciò che hai scritto cucchi non e morto per l’uso di sostanze oppure quando ha incontrato le sostanze e senza poteva succedere lo stesso guarda gli altri casi analoghi si la droga e una merda, la droga lentamente ti porta alla morte ed uscirne rialzarsi e difficilissimo e te lo dice uno che ha usato per venti anni e sono quindici anni che ne sto fuori,e ti assicuro che quando ero in uso e venivo fermato per un furto per qualche reato oppure perche pensavano avessi qualche cosa addosso comunque era più le volte che venivo menato nei modi peggiori i traumi subiti e doversi poi stare zitti tanto chi credeva ad un povero tossico nessuno quante ne ho prese io dico ho fatto un reato ok mi arresti mi processi e mi faccio il mio carcere. ma venire menati no e caro GIOVANARDI non e perche si e tossici si deve verir uccisi malmenati percossi si e persone…..

  44. 8 novembre 2014 alle 09:18

    Ho insegnato diritto per una vita! I miei ex studenti oggi penseranno che ho insegnato favole

  1. 8 luglio 2012 alle 11:42
  2. 15 dicembre 2012 alle 20:07
  3. 3 febbraio 2013 alle 11:47
  4. 4 febbraio 2013 alle 07:42
  5. 3 novembre 2014 alle 16:57

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: